160x142 2.jpg

Mercoledì, 22 Maggio 2019 14:50

Duomo di Siena, scoperto un antico affresco all’interno della cattedrale

Scritto da 

Il grande frammento è riaffiorato durante di lavori di conservazione di una pala d'altare realizzata dal fiorentino Pietro Dandini. Quanto resta dell’opera ha permesso di riconoscere come autore del dipinto Paolo di Giovanni Fei (1345- 1411), artista senese, tra i maggiori pittori del periodo

SIENA - E’ stato rinvenuto, casualmente, all’interno del Duomo di Siena un antico affresco trecentesco. La scoperta è avvenuta rimuovendo la grande pala d'altare "Sposalizio  mistico di Santa Caterina da Siena" del pittore Pietro Dandini  (Firenze, 1646-1712), dall'altare del cardinale e arcivescovo di Siena Celio Piccolomini (Siena, 1609-1681), che sarà a breve sottoposto a  restauro. 

L’affresco, nonostante risulti piuttosto danneggiato, mostra in maniera evidente alcuni busti di sante, provviste di aureola dorata e tempestata di decori a stampo, che hanno permesso di riconoscere l'autore del dipinto. Si tratta di Paolo di Giovanni Fei (nato a Siena nel 1345 e morto nel 1411), uno dei maggiori pittori di quel periodo, che come sottolinea il professor Alessandro Bagnoli: seppe recuperare la lezione dei grandi maestri  del primo Trecento, traghettando la scuola senese verso la vitale  stagione del tardogotico". 

L’affresco, dipinto sul fondale della cappella tardo medievale del duomo senese, faceva da ornamento a un trittico su tavola posto sull'altare. A testimoniare questo allestimento è la raffigurazione di  Pietro di Francesco Orioli sulla copertina della Gabella del 1483 (oggi all'archivio di Stato di Siena), sulla quale si volle far dipingere l'omaggio delle chiavi della città alla immagine della Madonna delle Grazie.

I documenti conservati nel grande archivio dell'Opera del Duomo consentono inoltre di recuperare una serie di informazioni sull’autore del dipinto.  In uno di essi si legge che il 6 aprile1400 Paolo di Giovanni Fei fu pagato ben 15 fiorini d'oro "per chagione di  cierto lavorio che fecie a la cappella di sant'Antonio in duomo, cioè di dipintura, per oro e azurro, e ogni altra sua spesa". 

Ultima modifica il Mercoledì, 22 Maggio 2019 14:57


300x250 2.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio