160x142 2.jpg

Venerdì, 24 Maggio 2019 16:01

Fotografia. Ottavio Marino presenta il progetto “Francesco di Paola”. Immagini

Scritto da 

Un corpus di opere dedicate al Santo Patrono della Calabria, terra di origine anche dello stesso fotografo. Undici tavole che raccontano alcuni momenti salienti della vita del santo, attraverso un’iconografia che rimanda esplicitamente alla pittura caravaggesca e barocca

ROMA  - Dopo i progetti “Romeo e Giulietta”, “Velluto: stories of families” , Le architetture dell’assenza” e “La Compassione”, torna sulle pagine di ArteMagazine, con un nuovo e raffinato lavoro, il fotografo di  Cassano Jonico, Ottavio Marino. 

“Questo progetto è un tributo a San Francesco e alla mia terra, la Calabria” - ci tiene a sottolienare l'artista, a cui già nel precedente lavoro “La Compassione”, aveva reso omaggio. 

Protagonista di queste bellissime undici tavole è Francesco di Paola,  Santo Patrono della Calabria (Paola27 marzo 1416 – Tours2 aprile 1507). Si tratta di un lavoro originale che utilizza per la prima volta una iconografia del santo del tutto nuova.

Francesco è infatti rappresentato come un uomo giovane, umanamente vigoroso e allo stesso tempo misticamente potentissimo.  Le tavole raccontano alcuni miracoli e momenti importanti della sua vita, dal miracolo delle monete a quello notissimo della vela, a quella del voto fatto dalla madre quando era un bambino, fino alla tavola fotografica che racconta una “tentazione”.

I riferimenti iconografici sono di chiara matrice caravaggesca e barocca.  Mentre l’uso di una iconografica cristica, che rimanda esplicitamente  alla Passione di Gesù Cristo, intende raccontare l’importanza della luce che ha “illuminato”, appunto, la vita del santo.  “E’ la luce della carità - spiega Marino  - che spesso deve attraversare un doloroso calvario per splendere luminosa e potente. Carità intesa come sostegno fattivo e costruttivo dell’essere umano”. 

I modelli per questo intenso e sofisticato lavoro fotografico sono dei giovani calabresi, il più grande ha venticinque anni, il più piccolo solo sette. Sono Luca, Lidia, Francesco, Giorgia e il piccolo Michele che - come rimarca l’artista - "si sono prestati con grande impegno e rispetto” al progetto. 

Ultima modifica il Venerdì, 24 Maggio 2019 16:10


300x250 2.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio