BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Venerdì, 13 Maggio 2016 16:45

Venezia. Il Negozio Olivetti di Piazza San Marco celebra Ettore Sottsass

Scritto da 

S.O.S. Sottsass Olivetti Synthesis è la prima esposizione dedicata al rivoluzionario sistema di arredamenti per l’ufficio, presentato da Olivetti nel 1973 e disegnato dal celebre designer

Ufficio campione Olivetti Synthesis Sistema 45, Firenze 1971, Foto Gabriele Basilico Ufficio campione Olivetti Synthesis Sistema 45, Firenze 1971, Foto Gabriele Basilico

VENEZIA - Il Negozio Olivetti in piazza San Marco a Venezia, bene del FAI – Fondo Ambiente Italiano, ospita dal 28 maggio al 28 agosto la mostra S.O.S. Sottsass Olivetti Synthesis, la prima esposizione dedicata al rivoluzionario sistema di arredamenti per l’ufficio, presentato da Olivetti nel 1973 e disegnato da Ettore Sottsass, allora responsabile del design dell’azienda di Ivrea. 

In mostra 60 opere tra cui arredi e documenti originali, inediti o poco conosciuti, scrivanie, sedie, pareti componibili, cassettiere, raccoglitori verticali, classificatori e accessori come attaccapanni, portaombrelli, cestini, posacenere, portapenne, temperamatite e supporti per il telefono, prodotti negli stabilimenti Olivetti Synthesis di Massa Carrara

L’esposizione sarà inoltre arricchita da una serie di fotografie degli uffici realizzate da Gabriele Basilico e da un film industriale dal titolo Olivetti Synthesis serie 45/80 in cui lo stesso Sottsass è protagonista. 

Nel realizzare Synthesis 45, Sottsass e i suoi collaboratori riesce a dare vita a un’architettura d’interni in cui le regole del razionalismo moderno si affiancano a un linguaggio che richiama l’esperienza estetica trasgressiva della pop art, inaugurando la stagione del postmoderno. All’eleganza delle forme e alla ricchezza dei materiali vengono preferite semplicità della linea e funzionalità, mentre la modularità consente di personalizzare le composizioni dell’arredamento scegliendo tra i diversi colori e tra gli elementi complementari, oggetti in materiali plastici con tinte non invadenti, dal grigio al caffelatte, dal prugna all’azzurrino al giallo.

La mostra ripercorre il passaggio dalla modernità alla postmodernità, dalle “tute blu” ai “colletti bianchi”, dove idealmente l’individuo connota l’ambiente di lavoro.

La mostra, che anticipa di un anno il centenario della nascita di Sottsass, è a cura di Marco Meneguzzo, critico d’arte e docente di Storia dell’Arte contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Brera, Enrico Morteo, architetto, storico e critico di design e architettura, e Alberto Saibene, storico della cultura e autore di film e documentari. Si tratta inoltre della prima mostra di una trilogia che il FAI dedicherà al grande designer nel Negozio Olivettiin piazza San Marco di qui al 2018.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Edizioni di Comunità, fondate da Adriano Olivetti nel 1946.


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio