BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Venerdì, 17 Luglio 2020 10:45

Milano. Ultimi giorni per la personale di Olaf Breuning alla Galleria Poggiali

Scritto da 

La mostra "We are All In the Same Boat" sarà aperta fino al 24 luglio. Nello spazio milanese Breuning ha concepito un ambiente immersivo per riflettere su come gli attuali stimoli della vita quotidiana sono metodicamente registrati, metabolizzati e riproposti dagli 'utenti' digitali

 Olaf Breuning, Happy Painters, 2018. Courtesy Galleria Poggiali Olaf Breuning, Happy Painters, 2018. Courtesy Galleria Poggiali

MILANO - E’ visitabile fino al prossimo 24 luglio, alla Galleria Poggiali di Milano We are All In the Same Boat. The weight of colour, la prima personale italiana di Olaf Breuning (Sciaffusa, 1970) Svizzero di nascita ma newyorkese d’adozione, a cura di Lorenzo Bruni.

Breuning, per la sua mostra nello spazio milanese della Galleria Poggiali, in Foro Buonaparte 52, ha concepito un ambiente immersivo per riflettere su come gli attuali stimoli della vita quotidiana sono metodicamente registrati, metabolizzati e riproposti dagli “utenti” digitali.

La ricerca di Breuning  -  scrive Lorenzo Bruni  - è da sempre attenta ai cambiamenti sociali e alle immagini usate in quanto strumenti di nuova ritualità. E’ interessante notare come negli ultimi dieci anni l’ironia paradossale dell’artista sia andata sempre più verso una dimensione ontologica, archetipica e universale. Le opere presenti nella mostra milanese – una grande installazione fotografia site specific e il suo ultimo video – introducono infatti indizi fondamentali sul suo attuale percorso. La prima opera è un'immagine di forte impatto visivo, sia perché occupa per intero una delle pareti dello spazio, sia per il soggetto trattato, ovvero un gruppo eterogeneo di persone che, in piedi all'interno di una barca in mezzo a un bosco, guardano fisse verso lo spettatore dando corpo al detto: ‘We Are All In the Same Boat’. La seconda è il video ‘Sunny’, in cui in primo piano appare il volto di un bambino intento a guardare un evento unico, che è negato alla nostra vista. In entrambi i casi si tratta di monumenti allo stupore, all'andare oltre le sovrastrutture culturali, di un invito a non sottostare al cosiddetto senso comune, ma di riflettere non solo sul ruolo dell'arte ma anche su quello dello spettatore consapevole in un mondo globale e a portata di click.” 

Le opere presenti alla mostra We Are All In the Same Boat alla Galleria Poggiali sono di anni e soprattutto media diversi, sia site specific che immagini autonome, poste dall'artista in un nuovo stretto dialogo per far emergere domande ovvie quanto conturbanti: per chi sono i messaggi che produciamo giornalmente nel mondo del web e perché li produciamo? Olaf Breuning risponde mettendo al primo posto la dimensione esperienziale che ha a che fare con l'evento in tutti i suoi aspetti fisici e psicologici. Per questo motivo è forse più opportuno, piuttosto che parlare di site specific, definirla una mostra time specific, avendo a che fare con la messa in evidenza del tempo del processo dell'opera e della sua fruizione. Tale approccio è lo stesso con cui l’artista indaga, negli ultimi dieci anni, il concetto di colore nella società digitale e in relazione alla storia dell'arte, ovvero, con l’intento di dare nuova importanza al momento della manifestazione e trasformazione del colore, piuttosto che come semplice attributo di una forma.

Vademecum

Olaf Breuning
 We Are All In the Same Boat. The weight of colour.
 A cura di Lorenzo Bruni
 fino al 24 luglio 2020
Galleria Poggiali Milano
Foro Buonaparte 52 | 20121 Milano
+39 02 72095815
E. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Martedì - sabato: 10.30/13.30 – 15/19
www.galleriapoggiali.com

 

Ultima modifica il Venerdì, 17 Luglio 2020 10:49


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio