160x142-banksy-palermo.gif

Giovedì, 19 Novembre 2020 10:27

La Galleria Ravizza di Lugano apre gli Archivi Tematici del XX Secolo

Scritto da 

A disposizione di studiosi, collezionisti e appassionati piccole e preziose raccolte di documenti e oggetti originali accuratamente selezionati, dal Decadentismo al Futurismo

Gabriele D'Annunzio, Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi, 4 volumi, 1922, Tip. Treves, Milano Gabriele D'Annunzio, Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi, 4 volumi, 1922, Tip. Treves, Milano

MILANO - Dodici raccolte che, con i loro preziosi contenuti, raccontano argomenti specifici del secolo scorso, dal Decadentismo al Futurismo. E’ quanto mette a disposizione  di studiosi, collezionisti e appassionati la Galleria Ravizza di Lugano. 

Gli Archivi Tematici hanno lo scopo di restituire sensazioni dimenticate o incomprese relative a una storia culturale condivisa. 

“La cultura è come il rumore – spiega Allegra Ravizza citando John Cagequando lo vogliamo ignorare ci disturba, quando lo ascoltiamo ci rendiamo conto che ci affascina […] Il silenzio non esiste, così come l’ignoranza non esiste”. 

Obiettivo di questo interessante e inedito progetto è ritessere una relazione tra la storia passata e gli esiti culturali della contemporaneità, nella convinzione che la storia dell’arte e della cultura abbiano un ruolo evolutivo nello sviluppo della coscienza individuale e collettiva: “quando lo ascoltiamo, l’eco del rumore della Cultura, sentiamo che rimbalza su ogni parete intorno a noi - continua la gallerista - e si trasforma per essere Conoscenza e Consapevolezza”.

I dodici archivi vogliono aiutare la comprensione del passato, in un momento storico come quello che stiamo attraversando, che ci chiude nelle nostre case e sta cambiando profondamente il modo di fruire l’arte: gli Archivi Tematici del XX Secolo infatti, possono essere spediti in qualunque luogo ed essere fruiti da chiunque permettendo a ognuno di ripercorrere, in modo curioso, le tracce di artisti, musicisti e poeti del secolo scorso.

Gli archivi sono divisi in due gruppi uno dedicato a Gabriele D’Annunzio e uno alla Musica Futurista. Il primo gruppo raccoglie alcune celebri pubblicazioni del più noto poeta del Decadentismo italiano – Canto Novo, Poema Paradisiaco, Sogno di tramonto d’Autunnocorredate dalle musiche di Franco Casavola, Francesco Paolo Tosti, Ottorino Respighi, Gian Francesco Malipiero e molti altri che si sono ispirati alle liriche del poeta. 

L’altro è dedicato alle ricerche sulla Musica Futurista con materiali come il documento originale del Manifesto del Musicisti Futuristi e de L’Arte dei Rumori di Luigi Russolo, le tracce delle prime registrazioni audio del suo Intonarumori e gli spartiti musicali di altri esponenti del movimento come Francesco Balilla Pratella, Franco Casavola e Silvio Mix.

 

GUARDA IL VIDEO LA MUSICA FUTURISTA Primo e Secondo Futurismo

GUARDA IL VIDEO L'ANGOSCIA DELLE MACCHINE Silvio Mix

 

Ultima modifica il Giovedì, 19 Novembre 2020 10:40


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio