IMG_4882.JPG

Giovedì, 15 Novembre 2018 12:26

"Stessa spiaggia, stesso mare" la personale di Cristiano Carotti alla White Noise Gallery di Roma. Foto

Scritto da 

Dal 17 novembre al 22 dicembre 2018 l’esposizione, a cura di Eleonora Aloise e Carlo Maria Lolli Ghetti, propone oltre 20 opere dell’artista ternano che continua la sua ricerca sulle dinamiche sociali, indagate nelle loro derive più estreme

Cristiano Carotti - Seagull SS17, prototipo per strumento di autodifesa popolare - metallo, plastica, smalto 165x390x220 cm - 2018 Cristiano Carotti - Seagull SS17, prototipo per strumento di autodifesa popolare - metallo, plastica, smalto 165x390x220 cm - 2018

ROMA - Parte da alcune domande specifiche questa personale di Cristiano Carotti (Roma, 1981) dal titolo Stessa spiaggia, stesso mare. L’artista si chiede “Cosa ha trasformato, nella visione di un artista, l’icona per eccellenza dell’italiano medio vacanziero in un rozzo strumento di autodifesa popolare? Com’è stato possibile che il Mediterraneo tornasse a essere percepito dall’opinione pubblica come un simbolo di paura e minaccia, le emozioni cioè che il mare nostrum suscitava nei marinai di un tempo anteriore alla modernità?”

Carotti, attraverso le sue opere, riflette e invita a riflettere sulle reazioni scomposte che i fenomeni migratori hanno suscitato nell’opinione pubblica e sul nuovo significato minaccioso del mare nell’immaginario della società italiana ed europea.

L'artista prende quindi spunto da alcuni motivi dei miti classici, come quello di Scilla e Cariddi, e li riattualizza dando vita a una nuova mitologia contemporanea. Lo fa attraverso 18 sculture di ceramica (Scilla I-XVIII, 2018) di diversa forma e colore – ma accomunate da espressioni minacciose e terrificanti – raffiguranti creature con la testa da lupo e il corpo di serpente marino, al posto degli antichi tritoni e torpedini. Oppure attraverso una scultura che raffigura una Cariddi contemporanea, metà sirena e metà culturista, concepita come fosse un otre romana recuperata dal fondo del mare, durante un ritrovamento archeologico. O ancora con l’opera pittorica Shipwreck of the Birds (280x180cm, olio su tela, 2018), un vortice visivo ispirato dal famoso quadro La Zattera della Medusa di Théodore Géricault.

Ma Carotti fa molto di più, crea infatti un’opera emblematica, che riassume in sé tutto il senso di questa mostra. Prende un pedalò, icona nazional-popolare delle agognate ferie, delle vacanze più spensierate, e lo trasforma in un pedalò armato, militarizzato che diventa il simbolo della paura, pretestuosa e forcaiola, dei migranti, di coloro che esultano e gridano “bisognerebbe affondarli in mare”. Seagull SS17 (165x390x220cm, metallo, plastica, smalto – 2018) è il titolo di questa installazione, che diventa anche il mezzo perfetto per il cittadino qualunque in procinto di affrontare un mare nuovamente pieno di “mostri mitologici”.

Cristiano Carotti - Installation view "Stessa Spiaggia Stesso Mare" - White Noise Gallery

Vademecum

White Noise Gallery
Via della Seggiola, 9 – Roma
Opening 17 novembre h18.30
martedì - venerdì ore 12.00-20.00
sabato ore 16.00-20.00
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+39 06 6832833
www.whitenoisegallery.it

Ultima modifica il Giovedì, 15 Novembre 2018 14:13



IMG_4884.JPG

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio