Stampa questa pagina
Mercoledì, 08 Maggio 2019 14:44

A Venezia arriva la mostra “The synesthesia of shapes” dell’artista messicano Yoje Dondich. Immagini

Scritto da 

L’esposizione, evento collaterale nell'ambito della 58ª Mostra Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, è la seconda tappa del “tour” italiano, dopo la presentazione a Milano 

Impronte nel tempo,2016 Olio su tela 92. 5 x 95.5 cm Impronte nel tempo,2016 Olio su tela 92. 5 x 95.5 cm

VENEZIA - La Galleria San Silvestro di Venezia ospita, dal 10 maggio al 17 luglio 2019, la mostra The synesthesia of shapes di Yoje Dondich. 

L’artista, nato a Città del Messico nel 1952, è una figura originale nel panorama artistico messicano. Il suo complesso vocabolario pittorico, pur muovendosi nel solco della grande tradizione pittorica delle avanguardie messicane, non si può orientare in un'unica direzione poiché il suo alfabeto è al tempo stesso figurativo e astratto, surrealista e onirico. Una delle intenzioni principali della sua arte è espandere la percezione dello spettatore verso un’esperienza sensoriale che gli permetta di scoprire altre sensazioni. Da qui anche la scelta del titolo della mostra, che con la parola “sinestesia” allude al fenomeno sensoriale/percettivo che indica una "contaminazione" dei sensi.

La mostra presenta una selezione di 14 opere della sua fase astratta e illustra la ricerca dell'artista attraverso la sperimentazione di forme e colori geometrici, per offrire agli spettatori esperienze sinestetiche multisensoriali.

L’esposizione viene presentata come evento collateralenell'ambito della 58ª Mostra Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, dal titolo May You Live in Interesting Times (Vivi in tempi interessanti!), curata da Ralph Rugoff, il quale ha affermato: “Il ruolo sociale dell’arte non implica che gli artisti parlino della società, ma che aiutino a capire molte esperienze in un modo più complesso (…) gli artisti fanno attenzione a cose che non siamo abituati a vedere. Se facciamo attenzione, le cose si possono vedere diverse”. Partendo da questa idea, l’arte di Yoje Diondich incontra il concept della Biennale nell’offrire, attraverso le sue opere, esperienze sinestesiche, nelle quali lo spettatore utilizza i suoi sensi. In un mondo dove la tecnologia ha superato gli stimoli e lo stupore per le cose quotidiane non sorprende più, le opere di questa artista predispongono all’esperienza di ricorrere alla pittura come mezzo per materializzare la sensibilità.

Vademecum

Yoje Dondich. The synesthesia of shapes
Dal 10 Maggio al 17 Luglio del 2019
Spazio Ravà - Galleria San Silvestro
San Polo 1100, 30125 Venezia

Ultima modifica il Mercoledì, 08 Maggio 2019 14:59
Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)