BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Venerdì, 08 Maggio 2020 11:37

Coronavirus. Franceschini, operosi e solidali per la ricostruzione come nel secondo dopoguerra

Scritto da 

“Abbiamo davanti una fase di ricostruzione in cui dobbiamo imparare molto dalla lezione che ci dà la storia. Eravamo poveri e distrutti da guerra, lo stesso patrimonio culturale devastato. Eppure ci fu una capacita' straordinaria del Paese di ricostruirci e diventare in poco tempo la quinta potenza industriale del mondo”

ROMA -  Il ministro dei Beni e delle Attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, in una informativa urgente alla Camera sulle iniziative per fronteggiare l'emergenza da Covid-19, ha invitato all’unità e all’operosità come accadde nell’immediato secondo dopoguerra. “I nostri genitori - ha dichiarato il ministro  - sapevano che c'era qualcosa che univa. Vorrei che imparassimo da quello e vorrei che anche noi fossimo uniti, operosi e solidali nella ricostruzione".

Franceschini, nell’informativa illustrata anche al Senato, ha parlato di risorse per i settori che non sono stati coperti dai primi decreti emanati per fronteggiare l'emergenza coronavirus come ad esempio la filiera del libro. Ha inoltre prospettato  la possibilità che, oltre ai musei, che dovrebbero riaprire il 18 maggio a condizione che siano in grado di rispettare le prescrizioni, possano aprire i battenti anche cinema e teatri, specificando:"nel settore della cultura c'è una distinzione. Un conto sono i musei per i quali stiamo lavorando perché possano riaprire  e un altro conto è "affrontare il tema dei luoghi affollati, all'aperto o al chiuso. C'è, però, una grande creatività, molti teatri stanno studiando le misure per rispettare le prescrizioni. Anche in questo caso devo dire che riapriranno musei, cinema e teatri, probabilmente in date diverse a seconda delle condizioni. Ma oltre ai musei, riapriranno nelle condizioni di sicurezza, anche cinema e teatri. Dobbiamo andare prudentemente ma in fretta verso questa direzione". 

“Stiamo chiedendo misure nuove - ha continuato il  titolare del Dicastero di via del Collegio Romano  - che sono convinto ci saranno, per i settori che non sono stati coperti dalle risorse d'emergenza dei primi decreti: penso alla filiera del libro, alla filiera dei grandi eventi musicali, ai concerti, alle mostre, ai musei privati, ai festival. Un fondo che consenta di intervenire dando sostegno almeno fino a quando non potranno ripartire".

Ultima modifica il Venerdì, 08 Maggio 2020 11:40


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio