160x142 2.jpg

Mercoledì, 20 Gennaio 2016 18:54

Triennale di Milano. Franceschini: "L'Italia ha investito poco sulla contemporaneità"

Scritto da 

A margine della presentazione del rapporto "Italia Creativa" il ministro ha sottolineato come la creatività italiana può diventare veicolo di crescita

MILANO - Il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, è intervenuto oggi alla Triennale di Milano alla presentazione del rapporto Italia Creativa, sullo stato dell'industria culturale nel nostro Paese. Il rapporto, realizzato con le associazioni di categoria, con la Siae e il Mibact, ha evidenziato una fotografia dell’Italia, come Paese dalle grandi potenzialità nel settore creativo, ma con risultati di fatto inferiori rispetto ad altri Paesi vicini.  

A margine dell’incontro Franceschini ha voluto sottolineare il fatto che finora “nel nostro Paese abbiamo fatto negli anni uno straordinario lavoro per la tutela e la valorizzazione del patrimonio che ci hanno consegnato le generazioni venute prima di noi, materiale e immateriale”.  “Abbiamo investito poco sul presente, sul contemporaneo, sui talenti, sulle industrie culturali creative" - ha aggiunto Franceschini proseguendo in questa sua analisi - “Abbiamo dimenticato che anche il Colosseo è stato architettura contemporanea, che Michelangelo è stato pittura contemporanea, che Verdi e Puccini sono stati musicisti contemporanei, e l'Italia è piena di talenti e di creatività, di giovani e grandi maestri. E soprattutto questa creatività italiana può diventare, come dimostrano i numeri di oggi, un veicolo formidabile per la crescita".


300x250 2.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio