160x142_canaletto_2.jpg

Lunedì, 04 Giugno 2018 11:20

Alberto Bonisoli, le linee programmatiche del suo mandato ai Beni culturali

Scritto da 

Il ministro: "Possediamo un patrimonio artistico, culturale, paesaggistico, storico fantastico. Dobbiamo assumere, non dobbiamo usare i precari all’interno dei beni culturali, dobbiamo investire su persone qualificate, motivate e competenti, che facciano un lavoro fantastico, come quello che ci meritiamo”

ROMA -  Il neo ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, ha tenuto il suo primo intervento nel corso della manifestazione del Movimento 5 Stelle, #IlMioVotoConta, che si è svolta sabato 2 giugno 2018, a Roma. 

Il ministro ha esposto quelle che saranno le linee programmatiche con le quali intendete procedere nel corso del suo mandato.  Bonisoli è partito innanzi tutto dall’evidenziare il potenziale artistico e culturale del nostro paese. "L’Italia è un paese fantastico. Abbiamo un patrimonio artistico, culturale, paesaggistico, storico fantastico: è unico e non ce l’ha nessun altro” - ha esordito il ministro aggiungendo - “Dobbiamo cominciare a conoscerlo fino nei piccoli paesi, fino nei borghi, nelle realtà storiche: non ci sono solo i grandi siti, ci sono anche gli altri, sono allo stesso livello e hanno la stessa dignità”.  Il ministro ha quindi sottolineato la necessità di conoscere, valorizzare e tutelare questo immenso patrimonio. “Dobbiamo essere dei cani da guardia e dobbiamo renderlo più fruibile. Il patrimonio è bello ma dev’essere anche vissuto, dev’essere conosciuto, a partire dalla scuola. Non esiste che i nostri ragazzi non sappiano cose fantastiche del posto in cui vivono, magari di una cosa che sta a tre chilometri da dove vivono e la scoprono quando hanno quarant’anni.”

Entrando poi nel vivo degli obiettivi del suo ministero, Bonisoli ha detto: “abbiamo bisogno di più soldi. Dobbiamo assumere, non dobbiamo usare i precari all’interno dei beni culturali, dobbiamo investire su persone qualificate, motivate e competenti, che facciano un lavoro fantastico, come quello che ci meritiamo".  Secondo proposito sarà “capire e valutare  ed eventualmente cambiare il modo in cui i soldi vengono spesi”.  Terzo punto ha aggiunto infine Bonisoli, “sarà dare ascolto alle esigenze di chi lavora in questo settore. Se vogliamo che le cose funzionino - ha evidenziato il ministro -  noi dobbiamo chiamare le persone, coinvolgerle e farle lavorare insieme a noi”. 

 

Ultima modifica il Lunedì, 04 Giugno 2018 11:41



250x300.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio