BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Lunedì, 21 Marzo 2016 11:43

Beni culturali. Archeologi e Storici dell'Arte contro la riforma del Mibact

Scritto da 

Martedì 22 marzo: raduno all'Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte a Roma. Mercoledì 23 marzo: conferenza stampa presso la Sala Stampa estera. Infine 6 e 7 maggio: convegno e manifestazione

ROMA - È previsto per martedì 22 marzo un raduno contro la riforma del Mibact e la legge Madia. Alle 10,30 all'Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte a Roma, archeologi, storici dell'arte, architetti e docenti universitari si incontreranno per parlare delle ”misure calate dall'alto senza alcuna discussione né organicità". Nel corso della riunione sono annunciate delle proposte di riforma  alternative a quelle in atto.

Mercoledì 23 invece alle ore 11, presso la Sala Stampa estera, sempre a Roma, Assotecnici, l'Associazione R. Bianchi Bandinelli e il Comitato per la Bellezza organizzano una conferenza stampa alla quale parteciperanno il direttore dei Musei vaticani, Antonio Paolucci, la  storica dell'arte Maria Vittoria Marini Clarelli, Paolo Liverani, docente di Archeologia, l'archeologo ed esponente dell'Associazione Bianchi Bandinelli, Pietro Giovanni Guzzo, l'urbanista Paolo Berdini e il giornalista e scrittore Vittorio Emiliani.

Ma non è tutto. Il 6 e il 7 maggio saranno due giorni cruciali. Infatti al grido di 'Emergenza cultura: difendiamo l'art. 9', il mondo della cultura si riunisce a Roma il 6 e il 7  maggio per un convegno e una manifestazione contro le politiche culturali del governo Renzi e del ministro Dario Franceschini.  L'iniziativa, organizzata a partire da una proposta dello storico dell'arte Tomaso Montanari, con l'adesione di illustri personalità, da Salvatore Settis all'ex ministro Massimo Bray, è annunciata sul sito  www.emergenzacultura.org. Ci sarà un convegno nel pomeriggio del 6 maggio, e una manifestazione al Colosseo, sotto l'Arco di Costantino, la mattina del 7 maggio.

I promotori dell'iniziativa chiedono al governo "che si interrompa il processo di trasformazione dei musei statali in  fondazioni di partecipazione aperte agli enti locali e ai privati", e  che "siano sospesi l'accorpamento delle soprintendenze archeologiche, la soppressione della direzione generale per l'archeologia, lo stravolgimento dei depositi e degli archivi delle strutture  territoriali di tutela". Ma anche che "venga ritirata la norma del silenzio-assenso contenuto nella Legge Madia" definita "incostituzionale".

Le istanze rivolte al governo riguardano anche "la tutela del  patrimonio e la direzione degli istituti della cultura", affinché  vengano affidate "agli operatori dei beni culturali", assunti  "attraverso concorsi pubblici trasparenti, che tengano conto dell'offerta formativa presente nelle università del nostro Paese".

La richiesta riguarda anche l'assunzione di "1.400 lavoratori necessari a compiere l'organico del Ministero per i Beni culturali, e che quindi venga sbloccato il turnover annuale, attraverso concorsi regolari", e "un piano di  investimenti in settori chiave quali ricerca e istruzione, che  generano ricadute virtuose sia in termini di competitività internazionale del paese, che in termini di cultura civile e  democratica. 

"L'iniziativa - si legge sul sito - nasce dalla preoccupazione per le condizioni in cui viene lasciata la cultura nel nostro paese: dai  musei alle biblioteche, dagli archivi, ai siti archeologici, agli istituti di restauro, all'insegnamento della storia dell'arte, tutto  ciò che non è immediatamente riconducibile a fonte di profitti è in stato di abbandono, quasi che l'unica dimensione degna di interesse  per la comunità sia quella biecamente economica".

Insomma una manifestazione che chiama a raccolta i cittadini italiani e che intende chiedere a Renzi, si legge sempre sul sito emergenzacultura.org, "di sospendere l'attuazione dello Sblocca Italia, della Legge Madia e delle 'riforme' Franceschini: perché si  apra un vero dibattito, nel Paese e nel Parlamento, sul futuro del territorio italiano, bene comune non rinnovabile". 

 

Ultima modifica il Lunedì, 21 Marzo 2016 17:33


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio