160x142_canaletto_2.jpg

Giovedì, 12 Aprile 2018 16:20

Cola dell’Amatrice pittore. I giorni di Roma, gli anni dell’Appennino

Scritto da 

 Il volume di Luca Pezzuto, con introduzione di Barbara Agosti, appena pubblicato da Officina Libraria, ripercorre gli itinerari del pittore che operò in diverse località dell'Italia Centrale

ROMA -  E’ stato da poco pubblicato da Officina Libraria il volume monografico dal titolo “Cola dell’Amatrice pittore. I giorni di Roma, gli anni dell’Appennino” di Luca Pezzuto, docente di Storia dell’arte moderna presso l’Università degli Studi dell’Aquila. 

Il volume approfondito di Pezzuto rilegge l'intera vicenda artistica di Cola dell’Amatrice detto il Filotesio (Amatrice, 1480 circa – Ascoli Piceno, ante 1553). È attraverso la sua esperienza e il suo pervicace e alterno rapporto con Roma, che meglio si può intendere la dialettica tra centro e periferie vissuta da un’intera generazione di artisti di confine, all’opera nelle propaggini appenniniche tra il Regno di Napoli e lo Stato della Chiesa. Pittori di professione, ma in realtà anche zingari e girovaghi attivi lungo i litorali adriatici o nelle valli pedemontane, avevano varcato prima di lui le porte di Ascoli e dell’Aquila, e Cola stesso ne aveva visti a decine di piccoli maestri assiepati alle pendici delle asperrime creste d’Abruzzo, d’Umbria e della Marca: la pittura di luce camerte, gli iperrealismi adriatici, i “forastieri”, gli “oltremontani”, i “lombardi”. 

Cola potrebbe quasi essere la lente con cui decifrare i modi e i tempi di diffusione dei principali linguaggi artistici in quelle terre. 

Cola viaggiò e operò in diverse località dell'Italia Centrale. Intese a suo modo Raffaello e Bramante a Roma, lavorò non solo ad Ascoli e all’Aquila, ma anche a Subiaco, Farfa, Perugia, Città di Castello, Norcia e Amatrice, luoghi dove portò la sua “rustica maniera”. 

I risultati delle indagini comprese in questo libro prendono le mosse dalle fonti e dalla letteratura artistica che ha trattato del personaggio, da Vasari fino ai giorni nostri: si tratta di informazioni inedite, di approfondimenti sulla geografia artistica dei luoghi coinvolti, di affondi iconografici e di riflessioni di metodo, che restituiscono un profilo critico, biografico e professionale di Cola dell’Amatrice del tutto rinnovato. 

Vademecum

COLA DELL’AMATRICE PITTORE 
I giorni di Roma, gli anni dell’Appennino 
212 pp., brossura 
17 X 24 cm, 9 figg. bn, 71 tavv. a colori 
22,90 € 
isbn: 978- 88-99765-23-1 ISBN88-99765-23-1
Officina Libraria
www.officinalibraria.com

Ultima modifica il Giovedì, 12 Aprile 2018 16:39


300x300_canaletto_2.jpg

Flash News

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio