160x142-haring-proroga.gif

Giovedì, 10 Marzo 2016 15:57

Milano. A Brera Perugino e Raffaello a confronto

Scritto da 

È sui due dipinti ispirati allo Sposalizio della Vergine, che due grandi maestri del Rinascimento italiano si confronteranno nell'esposizione che si terrà dal 17 marzo al 27 giugno

MILANO -  Una mostra che vedrà Perugino e Raffaello, maestro e allievo, uno accanto all’altro a distanza di secoli.  Pietro Vannucchi, meglio noto come il Perugino, dipinse la pala per il Duomo di Perugia tra il 1499 e il 1504, su commissione della Confraternita di San Giuseppe. 

Raffaello fu invece allievo del Perugino e  si formò presso la sua bottega. Poco prima di lasciarla per andare a Firenze si cimentò sullo stesso soggetto interpretato dal maestro, e lo realizzò poco più tardi per la Chiesa di San Francesco, a Città di Castello. Le due pale sono molto simili. Il soggetto è appunto il matrimonio della Vergine che viene celebrato in una grande piazza, con diverse persone presenti e un imponente edificio sullo sfondo.

Tuttavia già a colpo d’occhio appaiono evidenti le differenze stilistiche tra i due artisti. Raffaello modifica infatti radicalmente la struttura della composizione. Da motivo scenografico, quale è per Perugino, il tempio sullo sfondo della pala, diviene in Raffaello fulcro di uno spazio che si sviluppa circolarmente fino all’orizzonte. Inoltre l’architettura del tempio appare molto più aggiornata e moderna nell’opera di Raffaello. Anche i personaggi in primo piano, nel dipinto di Raffaello, vengono disposti con maggiore naturalezza e varietà di attitudini. Elementi questi che indicano la via seguita da Raffaello verso la conquista della “maniera moderna”, rispetto a quella del Perugino. 

In epoca napoleonica entrambe le pale d'altare furono coinvolte nelle requisizioni dei beni religiosi, ordinate dallo stesso Napoleone. Ma mentre quella di Raffaello rimase in Italia, entrando a far parte della collezione di Brera, l'opera del Perugino finì invece tra le tante che andarono ad arricchire il patrimonio artistico francese e solo in parte restituite. La pala è stata conservata nel Musée des Beaux-Arts di Caen, dal quale il nuovo direttore di Brera, James Bradburne, è riuscito ad ottenerla in seguito a uno scambio. La "Cena in Emmaus" di Caravaggio infatti è andata in prestito al Museo di Caen lo scorso anno.

Infine a completamento dell’indagine storico-artistica relativa al tema dello Sposalizio della Vergine, verrà esposto a Brera anche un altro dipinto con lo stesso soggetto, eseguito dal francese Jean-Baptiste Vicar, incaricato da Napoleone delle requisizioni in Italia. E fu proprio Vicar a voler sostituire nel Duomo di Perugia il dipinto del Perugino con una sua opera dallo stesso soggetto. 

Ultima modifica il Giovedì, 10 Marzo 2016 18:32




300x250-banksy-proroga.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio