WEB-160x142.gif

Domenica, 17 Gennaio 2016 11:05

Robert Indiana alla GAM di Bologna

Scritto da 
Continua l'approfondimento sulla Pop Art con una mostra dedicata alle celebri opere iconiche dell'artista
BOLOGNA- La GAM, Galleria d’Arte Maggiore di Bologna, continua con il suo approfondimento sull’arte americana più amata, ovvero la Pop Art. Dopo la mostra di Andy Warhol è la volta di Rober Indiana con il suo vasto repertorio di immagini iconiche, quasi “totemiche” che attraverso il loro indubbio impatto visivo e la loro efficacia e immediatezza comunicativa colpiscono istantaneamente lo spettatore. La mostra, che apre il 18 gennaio, a cura di Franco e Roberta Calarota, è un excursus di immagini che appartengono alla vita di ognuno di noi. Un vasto e vario repertorio in cui predominano brevi ma efficacissime parole, realizzate sottoforma di sculture anche monumentali, con lettere cubitali, definibili come “poesie scultoree”. Tra queste le celebri Love o Amor, o ancora One Trough Zero, artistica serie dei numeri. Insomma un panorama figurativo costituito da simboli, marchi, numeri, parole appartenenti alla società dei consumi. Indiana riesce infatti a trasformare ciò che è ordinario in opera d’arte con una forte valenza espressiva.  

Una particolare attenzione in mostra è appunto dedicata a Love, scultura ormai simbolo dell’artista. Creata su commissione del MoMa nel 1964 per una cartolina di auguri natalizi, l’opera è stata poi trasformata nel francobollo ufficiale statunitense, prima di diventare la scultorea scritta tridimensionale in alluminio policromo. A farle da contraltare Amor che, con la medesima tipografia a coppie di lettere sovrapposte, suddivide il vocabolo italiano in due parole inglesi d’uso quotidiano: AM e OR, arricchendone il significato: “I AM”, “Io sono”, poetica dichiarazione dell’essere (to be), seguita dal ragionevole dubbio umano “OR”, “oppure…”, che richiama alla memoria la fatidica questione shakespeariana, “essere o non essere”. Anche i numeri appaiono particolarmente significativi per l’artista che ha apertamente dichiarato questa fascinazione nata durante la sua infanzia. Di recente la serie di numeri di Indiana ha anche fatto parte della mostra Proportio di Palazzo Fortuny, durante la 56. Esposizione internazionale d’Arte della Biennale di Venezia

Vademecum
Robert Indiana
Dal 18 Gennaio 2016 al 31 Marzo 2016
Bologna, Galleria d’Arte Maggiore G.A.M.
Info +39 051 235843 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.maggioregam.com

Ultima modifica il Lunedì, 18 Gennaio 2016 11:10


WEB-250x300.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio