WEB-160x142.gif

Mercoledì, 06 Novembre 2019 11:23

Olivo Barbieri in mostra al Centro Saint-Bénin di Aosta. Foto

Scritto da 

Dal 15 novembre 2019, l’esposizione "Olivo Barbieri. Mountains and Parks", a cura di Alberto Fiz, presenta oltre 50 lavori di uno dei maggiori fotografi contemporanei

Olivo Barbieri, Alps Geographies and people, 2012 Olivo Barbieri, Alps Geographies and people, 2012

AOSTA - Una rassegna spettacolare quella che il Centro Saint-Bénin di Aosta dedica al fotografo Olivo Barbieri (Carpi - Modena, 1954), dal 15 novembre 2019 al 19 aprile 2020. 

Le opere in esposizione ripercorrono la ricerca compiuta da Barbieri dal 2002 al 2019, sottolineando in particolare l'attenzione verso le tematiche connesse con il paesaggio e l’ambiente. 

50 i lavori in esposizione, tra cui un progetto fotografico inedito sulle montagne della Valle d’Aosta, realizzato per l’occasione. 

Insieme ai parchi dei ghiacci e dell’acqua, lo sguardo di Barbieri si estende anche ai Landfills, le quattro grandi discariche abitate da migliaia di persone e animali del Sud Est asiatico in Thailandia, Indonesia e Malesia. Sono i parchi tematici in negativo, ovvero la coscienza sporca dell’Occidente.

In esposizione anche la produzione scultorea dell’artista. Vengono infatti presentati tre imponenti lavori plastici, realizzati in legno, che occupano l’ala centrale del Centro Saint-Bénin. 

Non manca una parte dedicata alla storia dell’arte antica e moderna. Un dialogo quello del fotografo che coinvolge artisti come Paolo Uccello, Caravaggio e Canaletto, ma anche Nicolas Poussin e Mark Rothko. 

Conclude il percorso la proiezione di un video del 2005 realizzato in Cina, dal titolo Seascape#Night, China Shenzhen 05, che fa parte di un progetto artistico in divenire. 

Oltre che spettacolare la rassegna si delinea anche come “problematica”, Barbieri affronta infatti questioni di fondamentale importanza come l’esigenza di un rinnovato equilibrio naturale associato al turismo di massa che, se da un lato consuma  i luoghi, dall’altra ne garantisce la sopravvivenza.

Nell’epoca del digitale e dei social, dunque, Mountains and Parks si configura come un’occasione particolarmente stimolante per verificare la nostra relazione con la realtà colta nelle sue differenti e contraddittorie sfaccettature, tra ironia e dramma sociale.

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano e francese) con saggi di Alberto Fiz e di Daria Jorioz.  Contiene inoltre una testimonianza del fotografo, un intervento inedito dello scrittore Paolo Cognetti e un testo sull’estetica della montagna dell’alpinista Giovanni Battista Rossi

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Novembre 2019 12:15


WEB-250x300.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio