160x142-banksy-palermo.gif

Martedì, 20 Ottobre 2020 11:30

Le due nuove mostre della Fondazione MAST di Bologna. Immagini

Scritto da 

Fino al 3 gennaio 2021, l'esposizione dei lavori della sesta edizione del concorso fotografico indetto dalla Fondazione, vinto da Alinka Echeverría, e  la mostraInventions” a cura di Luce Lebart

ALINKA ECHEVERRÍA Apparent Femininity/Femminilità apparente, Unnamed X, Ada, 2020 © Alinka Echeverría ALINKA ECHEVERRÍA Apparent Femininity/Femminilità apparente, Unnamed X, Ada, 2020 © Alinka Echeverría

BOLOGNA - La Fondazione MAST di Bologna ospita, fino al 3 gennaio 2021, la mostra “MAST Photography  Grant on Industr and  Work”, risultato della sesta edizione del concorso fotografico che consente ai giovani fotografi, vincitori di una borsa di studio, di sviluppare un progetto su industria e lavoro e di realizzare una mostra accompagnata da un catalogo.

Ogni  due anni l Fondazione  MAST, attravers il MAS Photograph Grant on Industry  and Work - spiega  il curatore della mostra, Urs Stahel - offre a giovani fotografi l’opportuni di confrontarsi con le problematiche legate al mondo dellindustria e della tecnica, con i sistemi del lavoro e del capitale, con le invenzioni, gli sviluppi e luniverso della produzione. E spesso il loro sguardo innovativo e inedito ci costringe a scontrarci con incongruenze, fratture, fenomeni e forse perfino abissi che finora avevamo trascurato o cercato di non vedere.

Vincitrice di questa edizione è risultata Alinka Echeverría (Città del Messico, 1981) con il progetto intitolato Apparent Femininity che  indaga alcune immagini di femminilità, guardando al ruolo svolto dalle donne agli albori dellindustria del cinema e della programmazione informatica.

L’esposizione presenta le opere di tutti e cinque i finalisti:  Chloe Dewe Mathews, Alinka Echeverría, Maxime Guyon, Aapo Huhta e Pablo López Luz.

Chloe Dewe Mathews (Londra, Regno Unito, 1982), nel progetto For a Few Euros More (Per qualche euro in p), indaga le dinamiche dellagricoltura moderna, mettendo in luce questioni relative alla produzione e al consumo di cibo, allo sfruttamento delle persone e alla crisi ambientale in corso.

Maxime Guyon (Parigi, Francia, 1990), nel suo progetto Aircraft, realizza fotografie digitali di grande formato di strutture aereodinamiche, turboreattori, pistoni idraulici, connessioni elettriche degli aerei. Nelle fotografie iperrealistiche di Guyon non ci sono indizi delle architetture industriali degli hangar e le sagome restano sospese in uno spazio senza cielo e senza tempo, concreto eppure irreale.

Aapo Huhta (Haapajärvi, Finlandia,1985), in Sorrow Very Unlikely (Tristezza? Molto improbabile), esplora i modi in cui lIntelligenza Artificiale percepisce le fotografie fatte dall’uomo

Infine Pablo López Luz (Messico, 1979), nella serie Baja Moda (Bassa moda), realizzato in diverse città dell'America latina, guarda criticamente al mondo globale dell'industria della moda e al tempo stesso analizza due aspetti chiave della cultura latinoamericana contemporanea: identità e resistenza.

La seconda mostra presentata dalla Fondazione, sempre fino al 3 gennaio 2021, si intitola Inventions” ed è curata da Luce Lebart in collaborazione con Urs Stahel

L’esposizione propone un'ampia selezione di fotografie prodotte tra le due Guerre mondiali che uniscono tecnologia e arte. Tutte le immagini provengono dall' Archive of Modern Conflict (Londra) e dagli Archives nationales di Francia

La mostra presenta la molteplici delle invenzioni realizzate  fotografate iFrancia,  presso  l'Office  des  inventions  s iniziativa  di  Jules-LouisBreton,  a  capo  del  Sous-secrétariat dÉtataux inventions. Invenzioni che vanno dagli oggetti usati per sopravvivere in tempi di crisi, ai dispositivi per godere di una migliore qualità della vita in periodo di pace.

Come spiega la curatrice e storica della fotografia Luce Lebart si tratta  di un archivio visivo che colpisce per la sua fantasia, gli accenti umoristici e la libertà nello svelare i codici dell’oggettivi fotografica. Lelemento comico è tanto più inatteso in quanto si inserisce in un contesto industriale e scientifico. Come al cinema, queste scene fotografiche ci raccontano delle storie”.

Vademecum

FONDAZIONE MAST
8 ottobre - 3 gennaio 2021 via Speranza 42, Bologna
MAST Photography Grant on Industry and Work
http://www.mastphotogrant.com

"Inventions" a cura di Luce Lebart
Ingresso gratuito su prenotazione
Orari
Martedì - Domenica 10.00 - 19.00
www.mast.org

 

Ultima modifica il Martedì, 20 Ottobre 2020 11:55


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio