160x142-picasso.gif

Mercoledì, 27 Gennaio 2016 16:38

Bologna, Fondazione MAST la fotografia di Jakob Tuggener

Scritto da 

Seta e macchine, lusso sfrenato e mani sporche dal lavoro, donne seducenti e operai sudati, questo è Tuggener

BOLOGNA - Inaugurano il 27 gennaio alla Fondazione MAST di Bologna, due mostre del fotografo svizzero Jakob Tuggener (1904-1988). Tuggener, come spiegato dal direttore della PhotoGallery del MAST, Urs Stahel e co-curatore della mostra, è considerato uno dei dieci fotografi industriali di maggior spicco che siano mai esistiti. 

La mostra FABRIK 1933–1953 si compone sia di  un nucleo di 150 stampe originali,  tratte dal suo importante libro fotografico FABRIK,  saggio unico nel suo genere con un approccio critico di grande impatto visivo e umano sul tema del rapporto tra l’uomo e la macchina - sia da altri scatti dell’artista che affrontano momenti del lavoro nel suo paese. Influenzato dal cinema espressionista tedesco degli anni Venti, Tuggener sviluppò una cifra artistica estremamente poetica destinata a fare scuola soprattutto nel secondo dopoguerra. In FABRIK Tuggener, oltre a ripercorrere la storia dell’industrializzazione, cerca di illustrare il potenziale distruttivo del progresso tecnico indiscriminato il cui esito, secondo l’autore, era ben evidente vista la guerra in corso, per la quale l’industria bellica svizzera produceva indisturbata.

Accanto alle 150 immagini delle fabbriche il MAST presenta anche le proiezioni NUITS DE BAL 1934–1950. Tuggener infatti, affascinato dall’atmosfera spumeggiante delle feste dell’alta società, aveva iniziato a fotografare a Berlino le dame eleganti e i loro abiti di seta.  Ma è a Zurigo e a St Moritz che con la sua Leica, Tuggener, indossando lo smoking, riuscì cogliere le misteriose sfaccettature delle NUITS DE BAL. 

Insomma seta e macchine, questo è Tuggener,  il lusso sfrenato e le mani sporche dal lavoro, le donne seducenti e gli operai sudati.

È questo contrasto tra la luminosa sala da ballo e il buio capannone industriale a caratterizzare la percezione della sua opera artistica. Tuggener è stato riconosciuto quasi subito come un magistrale interprete del nostro mondo, il mondo appunto dei forti contrasti.  Il percorso della mostra è arricchito da filmati caratterizzati da una regia dinamica e una tecnica di montaggio che deve molto alle teorie di Ejzenštejn.

Vademecum

Fondazione MAST
via Speranza 40-42, Bologna
27 gennaio - 17 aprile 2016
Anteprima ad inviti e conferenza stampa mercoledì 27 gennaio 2015 ore 12.00
Apertura al pubblico mercoledì 27 gennaio 2015 ore 16.00 – 19.00
Orari di apertura
Martedì–Domenica 10.00 – 19.00
In occasione di Arte Fiera:
Venerdì 29 gennaio 10.00 – 18.00
Sabato 30 gennaio 10.00 – 24.00 (Art City White Night)
Domenica 31 gennaio 10.00 – 20.00 (Visita guidata con il curatore Urs Stahel ore 11.30 su
prenotazione:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 051.6474345)
Ingresso gratuito

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 27 Gennaio 2016 16:45



250x300Haring.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio