WEB-160x142.gif

Martedì, 23 Luglio 2019 08:40

Roma nella camera oscura. A Palazzo Braschi 350 immagini per scoprire i momenti più significativi della Capitale

Scritto da 

In occasione dei 180 anni dalla nascita della fotografia, viene esposta una straordinaria selezione di immagini provenienti dall’Archivio Fotografico che intende far percepire il senso di eventi significativi e profondi che hanno inciso la storia umana

Gianni Berengo Gardin (1930)  Sposi nel cortile di palazzo dei Conservatori, 1986  stampa ai sali d’argento su carta baritata, AFM 2318 Gianni Berengo Gardin (1930) Sposi nel cortile di palazzo dei Conservatori, 1986 stampa ai sali d’argento su carta baritata, AFM 2318

ROMA - La fotografia acquista un po' di dignità quando smette di riprodurre semplicemente la realtà e “rappresenta cose che non esistono più”, come amava affermare Marcel Proust. E tale riflessione appare più evidente con la mostra Roma nella camera oscura, fotografie della città dall'Ottocento ad oggi a Palazzo Braschi, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e curata da Flavia Pesci e Simonetta Tozzi.

In occasione dei 180 anni dalla nascita della fotografia, viene esposta una straordinaria selezione di immagini provenienti dall’Archivio Fotografico in cui si ha la possibilità di ammirare non solo l'evoluzione dell'arte fotografica, che a Roma nasce molto presto, ma anche l'esplorazione storica ed urbanistica di Roma che subirà stravolgimenti epocali da quando diventa Capitale d'Italia senza fermarsi ad una mera raffigurazione della realtà, al semplice scatto, ma intende far percepire il senso di eventi significativi e profondi che hanno inciso la storia umana.

Si passa dai  primi dagherrotipisti che sono i testimoni di una realtà papalina ormai ferma nel suo passato e rassegnata nella morsa di un immobilismo senza vita ad una fotografia stampata su carta da un negativo dove è possibile cogliere il fermento di un'epoca post-unitaria, dove sono chiari gli impulsi verso un dinamismo che, purtroppo, cancellerà intere parti di un tessuto urbano e paesaggistico intriso di un profondo significato culturale e sociale.

La prima fotografia durante il periodo pre-unitario si inserisce nella scia del vedutismo pittorico e del ritratto per poi raggiungere una rapida espansione e commercializzazione attraverso una sua propria espressività che va oltre i clichè consolidati. Sarà però soltanto nell'epopea risorgimentale e la formazione del regno italiano che si creano a Roma le condizioni per una rapida svolta nella rappresentazione fotografica intesa non più solo come tecnica di riproduzione legata al mercato delle immagini-ricordo, ma anche per un più articolato ruolo di messaggio e di raffigurazione di un presente che cambia ed evolve, stimolando l'osservatore verso riflessioni più ampie e compiute. 

Il racconto per immagini della mostra si snoda per 9 sezioni dedicate alle diverse tematiche, declinazioni e tecniche, della Fotografia. Si parte dalle prime sperimentazioni con la luce con  Giacomo Caneva, Frédéric Flachéron, Eugène Constant, Alfred-Nicolas Normand, James Anderson, Robert MacPherson, veri pionieri che si spostavano tra città e campagna con ingombranti attrezzature, spesso accompagnati da pittori, ponendosi in piena continuità con l’arte del proprio tempo fino ad una più matura comprensione del processo fotografico che intende cogliere i momenti più significativi di Roma e le sue complesse trasformazioni.

Il percorso si chiude nelle sale al pianterreno con la sezione Ritratti dedicata alla fotografia di figura, con ritratti di personaggi famosi, modelli in posa e interni di studi d’artista ottocenteschi, ma anche con tableaux vivants, i “quadri viventi” di grande fortuna tra fine Ottocento e primo Novecento, che sottolineano ulteriormente il rapporto di stretta complementarietà affermatosi anche a Roma tra fotografia e pittura. Si tratta dunque di una preziosa occasione non solo per comprendere il processo artistico e tecnico della Fotografia, ma anche per riscoprire luoghi e memorie di una Roma che non esiste più.

Vademecum

Roma nella camera oscura. 
Fotografie della città dall’ottocento a oggi.
Roma, Museo di Roma - Palazzo Braschi
Piazza Navona, 2; Piazza San Pantaleo, 10 - 00186 Roma
Fino al 22 settembre 2019
Dal martedì alla domenica ore 10.00-19.00. 
La biglietteria chiude alle ore 18. 
Giorni di chiusura: lunedì (ad eccezione di lunedì 22 aprile 2019 - Pasquetta - in cui il museo sarà aperto al pubblico), 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio 
Biglietto “solo Mostra”
€ 7,00 biglietto intero; 
€ 5,00 biglietto ridotto;
€ 4,00 biglietto speciale scuola ad alunno (ingresso gratuito ad un docente accompagnatore ogni 10 alunni);
€ 22,00 biglietto speciale Famiglie (2 adulti più figli al di sotto dei 18 anni).
Biglietto “integrato” Museo di Roma + Mostra
€ 12,00 biglietto intero per i residenti a Roma non possessori della “MIC Card”; € 8,00 biglietto ridotto per i residenti a Roma non possessori della “MIC Card”; 
€ 13,00 biglietto intero per i non residenti a Roma; 
€ 9,00 biglietto ridotto per i non residenti a Roma.
Ingresso gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente.
Ingresso con biglietto gratuito al Museo di Roma per i possessori della “MIC Card”, i quali potranno, invece, accedere alla Mostra con l’acquisto del biglietto “solo Mostra” secondo la tariffazione sopra indicata.
060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00) 
www.museodiroma.itwww.museiincomune.it

Ultima modifica il Martedì, 23 Luglio 2019 08:51


WEB-250x300.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio