BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Lunedì, 16 Dicembre 2019 16:42

MAXXI. L’architettura di Louis Kahn attraverso le fotografie di Roberto Schezen

Scritto da 

Dal 18 dicembre 2019 al 2 giugno 2020, negli spazi del Centro Archivi, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo ospita la mostra a cura di Simona Antonacci ed Elena Tinacci

Kahn Kimbell Art Museum Texas ph Roberto Schezen Kahn Kimbell Art Museum Texas ph Roberto Schezen

ROMA - Apre mercoledì 18 dicembre la mostra ARCHITETTURA, SILENZIO E LUCE. Louis Kahn nelle fotografie di Roberto Schezen, realizzata in occasione dell’acquisizione nelle Collezioni di Fotografia del MAXXI Architettura del Fondo donato da Mirella Petteni Haggiag. 

L’esposizione presenta un corpus di scatti del  fotografo milanese Roberto Schezen per una delle principali monografie su Louis I. Kahn, curata da Joseph Rykwert e pubblicata da Abrams nel 2001. 

Architetto di formazione Schezen (Milano 1950 – New York 2002), nel corso della sua lunga ricerca in questo campo, ritrae gli edifici di Louis Kahn e Adolf Loos e quelli di Vienna del periodo della Secessione, oltre a palazzi, castelli e prestigiose abitazioni europee e americane. 

L’architettura di Louis Isadore Kahn (Isola di Osel, 1901- New York 1974) rappresenta una  perfetta sintesi tra tradizione e modernità. All’età dicinquant’anni Kahn si afferma a  livello internazionale, diventando presto un maestro dell’architettura del Novecento. Senza ricorrere a mere citazioni del passato, nei suoi progetti ricerca l’archetipo. I suoi edifici si fanno volumetricamente sempre più solidi e, in contrapposizione con la compattezza della materia, la luce ne diventa un elemento fondamentale. La sua architettura, così definita, assume un respiro monumentale. 

La mostra al MAXXI si articola in due parti e attraversa i principali progetti di Kahn: dall’Indian Institute of Management di Ahmedabad al Kimbell Art Museum di Forth Worth, dalla Phillips Exeter Library in New Hampshire all’Assemblea Nazionale di Dacca. La luce, l’ombra, il silenzio e l’ordine, paradigmi comuni all’architettura e alla fotografia, sono a tutti gli effetti elementi del lessico progettuale di Kahn. Lo sguardo di Roberto Schezen, autore che lo ha certamente amato e che ha trovato nei suoi progetti un’occasione per riflettere sulla propria ricerca, ne assorbe e restituisce la lezione attraverso l’immagine fotografica.

Il silenzio in cui sono immersi gli spazi fotografati da Schezen, ripresi sempre in assenza di persone, è interrotto solo dai pensieri di Kahn: densi come manifesti programmatici ma leggeri come brevi liriche, i suoi testi arricchiscono il percorso di un livello di lettura ulteriore, creando risonanze tra le parole e le immagini che sembrano dilatare lo spazio della mostra.

www.maxxi.art

 

Ultima modifica il Lunedì, 16 Dicembre 2019 16:51


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio