BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Mercoledì, 26 Febbraio 2020 12:18

Raffaello 1520 - 1483: presentata a Roma la mostra evento

Scritto da 

Un'esposizione "monstrum": 204 opere di cui 120 dell'Urbinate, in un percorso a ritroso che inizia dalla sua morte (e la sua sepoltura al Pantheon) e si conclude nei luoghi della sua nascita, celebrando contemporaneamente i 20 anni delle ex Scuderie del Quirinale che accolgono l'allestimento

Raffaello Madonna con il Bambino e san Giovannino (Madonna d'Alba) Madonna and Child with Saint John 1510 circa olio su tavola trasferito su tela / oil on panel transferred to canvas  Washington, D.C., National Gallery of Art, Andrew W. Mellon Collection © National Gallery of Art, Washington Raffaello Madonna con il Bambino e san Giovannino (Madonna d'Alba) Madonna and Child with Saint John 1510 circa olio su tavola trasferito su tela / oil on panel transferred to canvas Washington, D.C., National Gallery of Art, Andrew W. Mellon Collection © National Gallery of Art, Washington

"Abbiamo superato i 70mila biglietti venduti in prevendita,un vero record quando mancano quasi due settimane all'apertura". Con questo dato assolutamente positivo il presidente di Ales-Scuderie del Quirinale Mario De Simoni ha aperto la conferenza stampa di presentazione dell'evento che celebrerà i 500 anni dalla nascita del grande artista urbinate che, si è voluto precisare, morì a Roma ed alla città immortale deve la sua fama universale. "Abbiamo celebrato i dieci anni delle Scuderie del Quirinale - ha aggiunto De Simoni - con la grande mostra dedicata a Caravaggio ed ora ne celebriamo i venti con questa dedicata a Raffaello".

Intitolata semplicemente “Raffaello 1520 - 1483” la mostra è stata realizzata con il decisivo contributo ed in stretta sinergia con gli Uffizi di Firenze il cui direttore Eike Shmidt ha espresso tutto il suo orgoglio per aver fattivamente partecipato alla realizzazione di questo evento. Insieme agli Uffizi, che hanno contribuito con circa 50 opere 40 delle quali dello stesso Raffaello, moltissimi altri musei di importanza internazionale hanno arricchito la rassegna con capolavori dalle loro collezioni: in Italia, le Gallerie Nazionali d’Arte Antica, la Pinacoteca Nazionale di Bologna, il Museo e Real Bosco di Capodimonte, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la Fondazione Brescia Musei; all’estero, oltre ai Musei Vaticani, il Louvre, la National Gallery di Londra, il Museo del Prado, la National Gallery of Art di Washington, l’Albertina di Vienna, il British Museum, la Royal Collection, l’Ashmolean Museum di Oxford, il Musée des Beaux-Arts di Lille e ancora la preziosa collaborazione della Galleria Borghese e del Parco Archeologico del Colosseo. "E' la mostra più impegnativa della mia vita: quattro miliardi il valore assicurato spalmato su trenta compagnie assicurative" ha confessato Massimo Maggio managing director della compagnia di brokeraggio P.L.Ferrari. Un commento che la dice lunga sull'importanza culturale e sul valore relativo, delle opere che saranno esposte

Più di cento capolavori autografi tra dipinti, cartoni, disegni, arazzi, progetti architettonici cui saranno affiancate opere di contorno e contesto (sculture, codici, documenti) per un totale di 204 opere di cui 120 di Raffaello. Per la prima volta si potranno ammirare affiancati i ritratti di due Papi, quello di Giulio II proveniente dalla National Gallery di Londra e quello di Leone X con i Cardinali Giulio de' Medici e Luigi de' Rossi proveniente dagli Uffizi, oggetto di un restauro durato tre anni curato dall'Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Il prestito di questa opera è stato anche causa delle clamorose e recentissime dimissioni in blocco dei quattro professori che compongono il Comitato Scientifico degli Uffizi che l'avevano inserita "nella lista delle 23 opere "inamovibili" del museo". Dimissioni alle quali il direttore Schmidt risponde "La mostra su Raffaello è un evento culturale epocale, uno dei motivi di orgoglio dell'Italia nel mondo e non poteva fare a meno del Leone X"..

La mostra sarà inaugurata il 3 marzo dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella insieme ai rappresentanti dei Paesi che hanno contribuito alla sua realizzazione con prestatori d'eccezione, spcca tra tutti la Regina d'Inghilterra, e prestiti straordinari come la Madonna Alba dalla National Gallery di Washington, la Madonna della Rosa dal Prado, la Madonna Tempi dalla Alte Pinakotek di Monaco di Baviera, queste tre mai rientrate in Italia dal momento della loro esportazione per ragioni collezionistiche, o ancora il Ritratto di Baldassarre Castiglione e l'Autoritratto con Amico dal Louvre.

Curata da Marzia Faietti e Matteo Lafranconi, l'esposizione è realizzata con il contributo di Vincenzo Farinella e Francesco Paolo Di Teodoro affiancati da un autorevole comitato scientifico presieduto da Sylvia Ferino che ha stimolato un dialogo fruttuoso tra gli specialisti del settore più accreditati al mondo, tra cui Nicholas Penny (già direttore National Gallery di Londra), Barbara Jatta (direttore Musei Vaticani), Dominique Cordellier (Musée du Louvre), Achim Gnann (Albertina, Vienna), Alessandro Nova (Kunsthistorisches Institut, Firenze).

Articolata secondo un percorso originale che inizia con la riproduzione a grandezza naturale della tomba di Raffaello al Pantheon, l'esposizione è quindi un percorso a ritroso che inizia proprio il 6 aprile 1520, data della morte a Roma di Raffaello, per tornare a Firenze, poi all'Umbria sino alle radici dell'urbinate. Il primo capitolo di questo percorso è dedicato alla lettera a Leone X che Raffaello scrisse insieme a Baldassarre Castiglione (e diventata il fondamento teorico dell'idea moderna di tutela dei beni culturali) il cui manoscritto è esposto dall'Archivio di Stato di Mantova dove viene conservato.

Impossibile la mancanza di un riferimento all'attuale situazione di allarme dovuto alla diffusione del corona virus e alle sue ripercussioni sul sistema espositivo romano. "In relazione agli ultimi fatti di cronaca, ha tenuto a sottolineare De Simoni nel corso della conferenza stampa, nonostante lo spavento internazionale, non abbiamo avuto alcuna disdetta. Solamente una mail dalla Grecia ricevuta ieri.....insieme a 2000 prenotazioni sempre ricevute ieri. Sarei folle, ha concluso, a non rilevare i fatti e stanotte non ho certo dormito tranquillo, ma ad ora tutto prosegue immutato e non abbiamo in mente alcun piano B"

Numerosi gli eventi collaterali in programma, non solamente nella Capitale: lezioni, incontri e conferenze previste anche a Milano e Tivoli. E ancora laboratori, visite guidate, iniziative dedicate ai più piccoli.... "Chi acquisterà il biglietto degli Uffizi - ha poi annunciato il loro direttore Schmidt - avrà uno sconto del 33 per cento per la mostra di Raffaello delle Scuderie del Quirinale".

Una preziosa curiosità: tutti i visitatori della mostra riceveranno in omaggio un libretto con il saggio Modernità di Raffaello. Dalla Lettera a Leone X alla Costituzione italiana, firmato dallo storico e intellettuale Salvatore Settis.

ORARI
Da domenica a giovedì dalle 10.00 alle 20.00 Venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30
L’ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura

BIGLIETTI
Intero € 15,00
Ridotto € 13,00
Gratuito under 6
Giovani 6-17 anni € 2,00 Biglietto Open € 22,50 Audioguida € 2,00
L'audioguida è acquistabile solo il giorno stesso della visita all'interno delle Scuderie del Quirinale

PROMOZIONI SPECIALI
Biglietto speciale Pausa Pranzo - € 10,00
(per tutti i visitatori esclusivamente dal lunedì al venerdì non festivi dalle 12.40 alle 14.20)
Biglietto speciale over 65 - € 10,00 (esclusivamente il lunedì e il martedì dalle ore 15.00 alla chiusura della biglietteria)
Biglietto studenti universitari, ricercatori e dottorandi delle università italiane - € 5,00 (esclusivamente venerdì e sabato dalle ore 19.00 alla chiusura della biglietteria)
Biglietto 2x1 speciale Amiche - € 15,00 + 1 omaggio da ritirare in botteghino (esclusivamente il giovedì dalle 15 alla chiusura della biglietteria)
È possibile pre-acquistare il biglietto d'ingresso alla mostra e accedere alle sale espositive senza file. Diritto di prenotazione intero, ridotto e promozioni: € 2,50.

SPECIALE SCUOLA
Visita con audioguida € 70,00 per gruppo scolastico (massimo 25 persone tra alunni e insegnanti) Visita guidata + prenotazione turno € 120,00 (massimo 25 persone tra alunni e insegnanti) Laboratori per scuola materna, primaria, secondaria di primo grado e secondo grado € 120,00 (massimo 25 persone tra alunni e insegnanti)
Prenotazione obbligatoria - Diritto di Prenotazione: € 5,00

VISITE GUIDATE
Visita individuale in Italiano € 5,00 a persona sabato, domenica e festivi
(ore 10:20 - 12:00 - 16:20 - 18:00) avvengono in gruppi di massimo 25 partecipanti singoli, il costo del servizio non comprende il biglietto di ingresso alla mostra

SPECIALE FAMIGLIA
Laboratorio per bambini dai 3 ai 5 anni
(sabato e domenica alle ore 16:00 domenica alle ore 10:20)
€ 8,00 a persona. Per ogni bambino è obbligatoria la presenza di 1 o 2 accompagnatori Laboratorio per bambini dai 6 agli 11 anni (sabato e domenica alle ore 16:00) € 8,00 a persona. Non è prevista la presenza di un adulto accompagnatore)
Speciale Famiglia al museo sabato e domenica, solo per gli adulti (massimo due per partecipante) che accompagnano uno o più bambini ai laboratori dai 6 agli 11 anni € 11,00 a persona
diritto di prenotazione: € 2,50

INFO E PREVENDITA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                                            Call center: +39 02 92897722

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.                                        Acquista on line: www.scuderiequirinale.it

Ultima modifica il Lunedì, 18 Maggio 2020 19:29


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio