160x142-banksy-palermo.gif

Lunedì, 14 Settembre 2020 16:54

Raffaello, tra reale e virtuale, in mostra a Palazzo Baldeschi a Perugia

Scritto da 

"Raffaello in Umbria e la sua eredità in Accademia" è il titolo dell’esposizione, organizzata dalla Fondazione CariPerugia Arte e dall'Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci, per rendere omaggio all'artista a 500 anni dalla sua scomparsa

PERUGIA - Tra reale e virtuale: è così che Raffaello abiterà le sale di Palazzo Baldeschi a Perugia, dal 18 settembre al 6 gennaio 2021. 

Due le sezioni che compongono la mostra, la prima a cura di Francesco Federico Mancini, con la regia della Fondazione CariPerugia Arte e il contributo della Soprintendenza Archivistica dell'Umbria e delle Marche e dell'Archivio di Stato di Perugia, la seconda dal sottotitolo "L'Accademia di Perugia e Raffaello: da Minardi e Wicar al Novecento", realizzata dall'Accademia di Belle Arti "Pietro Vannucci" di Perugia e curata da Alessandra Migliorati, Stefania Petrillo e Saverio Ricci, con il coordinamento di Giovanni Manuali, conservatore dei Beni dell'accademia. 

L’esposizione propone una versione digitale, coinvolgente e immersiva dove si potranno ammirare in sequenza tutte le opere umbre del Maestro - se ne contano ad oggi dodici - permettendo ai visitatori di esplorarne anche i dettagli, accompagnati da informazioni lette da una voce narrante. 

Si vedranno scorrere le immagini delle opere umbre del grande maestro del Rinascimento: Pala di San Nicola da Tolentino - oggi ridotta in frammenti e ricostruita virtualmente attraverso alcuni disegni autografi di Raffaello e una copia settecentesca – e a seguire il Gonfalone della Trinità, la Crocefissione Mond, lo Sposalizio della Vergine messo a confronto con l’opera omonima del Perugino, la Pala Colonna, la Pala degli Oddi e la Pala Ansidei. E ancora la Madonna del Libro, più nota come Conestabile, l’affresco di San Severo, la Deposizione Baglioni, la Madonna con il Bambino e i Santi - pala d’altare nota anche come Madonna di Foligno – e, infine, l’Incoronazione della Vergine, opera realizzata da Giulio Romano e Giovan Francesco Penni su disegno di Raffaello.

In un’altra sala del palazzo, sempre grazie agli effetti multimediali, partendo da famosi ritratti, alcuni attori in costume rinascimentale porteranno in scena il pittore urbinate attraverso due dialoghi: il primo (siamo nel 1494), è una conversazione che vede un Raffaello undicenne portato dal padre Giovanni Santi presso la bottega del Perugino, a cui viene chiesto di accoglierlo tra i suoi allievi. Il secondo, a questo punto Raffaello ha 21 anni, è un confronto con il Perugino che ruota intorno ai due capolavori che raffigurano lo Sposalizio della Vergine.

L’altra sezione della mostra, dal titolo "L'Accademia di Perugia e Raffaello: da Minardi e Wicar al Novecento", si articola in quattro parti tematiche e cronologiche che vogliono mostrare e dimostrare come, per tutto l'Ottocento, Perugia, grazie alla presenza di Tommaso Minardi, fu un epicentro insieme a Roma della corrente purista e del ritorno all'arte di ispirazione religiosa. 

Dopo un'antologia di autoritratti degli artisti che si ispirarono a Raffaello, il percorso espositivo si snoda in tre sezioni rispettivamente dedicate a Il culto di Raffaello tra classicismo e purismo, con opere della scuola di Baldassare Orsini, di Tommaso Minardi e di Wicar; Raffaello 'docet': la copia e l'invenzione, che ripercorre la lunga stagione dell'Accademia di Perugia fiorita sulla feconda eredità lasciata da Tommaso Minardi; Raffaello nelle arti applicate e nella decorazione murale, che presenta al pubblico una variegata e sorprendente scelta di opere dagli inizi del XIX secolo al primo Novecento.

Vademecum

"Raffaello in Umbria e la sua eredità in Accademia"
Dal 18 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
Palazzo Baldeschi, corso Pietro Vannucci 66
Info: +39 075 5734760
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.fondazionecariperugiaarte.it

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 14 Settembre 2020 16:59


300x250-banksy-palermo.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio