160x142-banksy-palermo.gif

Martedì, 15 Settembre 2020 18:26

“Back to nature”, a Villa Borghese la mostra sul rapporto uomo-natura

Scritto da 

Alla luce dei cambiamenti climatici e dell’attuale emergenza sanitaria globale, una riflessione sul futuro e sulla necessità di riconsiderare il rapporto tra uomini e ambiente è una necessita che percorre molte coscienze

ROMA - Componente del programma di Romarama –  diffusa, promossa e prodotta da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali – Back to Nature è pensata come un festival in cui performance musicali, video e interventi di street art animeranno il tempo della mostra con coinvolgimento diretto del pubblico.

Alla luce dei cambiamenti climatici e dell’attuale emergenza sanitaria globale, una riflessione sul futuro e sulla necessità di riconsiderare il rapporto tra uomini e ambiente è una necessita che percorre molte coscienze, per questo la bellissima Back to nature, Arte contemporanea a Villa Borghese – che coinvolge il Parco dei Daini, il museo Carlo Bilotti, il museo Pietro Canonica, La casa del cinema - a cura dello storico dell’arte e critico Costantino D’Orazio, potrebbe rivelarsi un successo.

“Back to nature” ci mette a contatto con le opere degli artisti Andreco, Mario Merz, Mimmo Paladino, Benedetto Pietromarchi (con una convincente mostra negli spazi del museo Bilotti), Davide Rivalta, Grazia Toderi, Edoardo Tresoldi e Nico Vascellari (con un nuovo film).

Back to nature” è da non perdere a Roma dal 16 settembre al 13 dicembre 2020. Fruibile attraverso i, tanto preziosi in questo periodo, grandi spazi all’interno dei saloni espositivi o all’aria aperta.

Da non mancare il doppio igloo di Mario Merz; l’ultima opera di Mimmo Paladino, dieci bandiere ispirate alle sculture che un tempo decoravano i viali e le siepi di Villa Borghese affisse sulla facciata del Museo Pietro Canonica; Drops di Andreco, che abiterà la Prospettiva del Teatro nel Parco dei Daini; la videoinstallazione notturna Red Map di Grazia Toderi alla Loggia dei Vini; Etherea di Edoardo Tresoldi, grande scultura trasparente, incentrata sulla percezione esperienziale dello spazio e sul rapporto con gli elementi del parco, con cupole che ricordano quella di San Pietro; la grande bufala in bronzo fusa con il metodo della cera persa di Davide Rivalta, i leoni esposti sulla scalinata della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea; l’opera video di Nico Vascellari alla Casa del Cinema; la mostra di Benedetto Pietromarchi al Museo Carlo Bilotti, a cura di Paolo Falcone, dove l’artista ha valorizzato alcuni alberi crollati.

Una nota a sé merita il video di Nico Vascellari, Vitriol, opera di forte impatto emozionale, un volo sulla Foresta del Cansiglio in Veneto: si può vedere alla Casa del cinema di Villa Borghese ininterrottamente dalle 17.00 alle 21 dei giorni 16/17/18. Poi dal 19 settembre al 31 ottobre le proiezioni passeranno al museo Canonica.

Vitriol è impressionante perché rende alla perfezione l’uomo in balia di elementi che non può padroneggiare. Nico Vascellari, dopo essersi fatto iniettare un liquido soporifero nel sangue, è issato su una cinghia penzolante da un elicottero che, mentre Nico dorme, viaggia tra le nuvole, sopra le montagne, sotto le quali i boschi diventano disciplinate file di scolaretti. La sensazione di mistero e d’infinito è assicurata. Lo stesso Nico Vascellari, in conferenza stampa, ha affermato che l’emozione principale da lui provata è la paura. Quella paura che riesce a vincere chi cerca il dialogo, non solo sfruttamento, con la madre terra. Costantino D’Orazio l’ha giudicata opera degna della Biennale di Venezia.

Vademecum

Back to Nature. Arte contemporanea a Villa Borghese
Villa Borghese (Parco dei Daini, Piazza di Siena, area antistante Casino della Meridiana)
Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese
Viale Fiorello La Guardia, Roma
Museo Pietro Canonica a Villa Borghese
Viale Pietro Canonica 2 (Piazza di Siena)
15 settembre - 13 dicembre 2020
Museo Carlo Bilotti
Giugno - settembre
Da martedì a venerdì e festivi ore 13.00 - 19.00 (ingresso fino alle 18.30)
Sabato e domenica ore 10.00 - 19.00 (ingresso fino alle 18.30)
Ottobre - maggio
Da martedì a venerdì e festivi ore 10.00 - 16.00 (ingresso fino alle 15.30)
Sabato e domenica ore 10.00 - 19.00 (ingresso fino alle 18.30)
Giorno di chiusura: Lunedì
Museo Pietro Canonica
Giugno - settembre ore 13.00 - 19.00
Ottobre - maggio ore 10.00 - 16.00
La biglietteria chiude mezz'ora prima
Giorno di chiusura: lunedì
Ingresso gratuito
Tel 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00)

Ultima modifica il Martedì, 15 Settembre 2020 18:43


300x250-banksy-palermo.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio