160x142-banksy-palermo.gif

Venerdì, 18 Settembre 2020 09:54

Palazzo Merulana. “Vittorio Storaro: Scrivere con la Luce”, la foto-grafia in movimento del premio Oscar

Scritto da 

L’esposizione si intreccia  con le opere della Collezione Cerasi, donate più di due anni fa alla fruizione pubblica con l’apertura del Palazzo per volontà del suo illuminato fondatore Claudio Cerasi, recentemente scomparso, e di sua moglie Elena

ROMA -  Nel cuore della capitale, Palazzo Merulana, nato dalla sinergia tra Fondazione Elena e Claudio Cerasi e CoopCulture, da venerdì 18 settembre a domenica 1 novembre 2020 ospita la mostra Vittorio Storaro: Scrivere con la Luce”, realizzata e promossa da Storaro Art, con il patrocinio della Festa del Cinema . Nell’occasione è intervenuta Laura Delli Colli, la Presidente del grande evento cinematografico romano. L’esposizione  di Storaro si intreccia  con le opere della Collezione Cerasi di Palazzo Merulana, donate più di due anni fa alla fruizione pubblica con l’apertura del Palazzo per volontà del suo illuminato fondatore Claudio Cerasi, recentemente scomparso, e di sua moglie Elena.

Il già tre volte Premio Oscar, cinque volte laureato honoris causa  e vincitore del Nastro d'Oro nella 74esima edizione dei Nastri d’Argento per non citare altro, in questa esposizione è fotografo a tutto tondo, narratore per immagini fisse, ma in  una mostra foto-cinematografica che ha l’intento di raccontare, con la profondità propria della fotografia, una storia in movimento, interiore e non per questo meno avventuroso. “La tecnica della doppia-impressione, con più di una immagine sovrapposta l’una all’altra – ha detto Vittorio Storaro in conferenza stampa -  rispecchia il tentativo di narrare attraverso la 'fissa' FOTO-GRAFIA una storia in “movimento”, cinematografica, convertendo così un concetto narrativo in un concetto visivo”.

Il pubblico potrà vedere una selezione di più di settanta immagini realizzate con la tecnica della doppia impressione (che Storaro ha onestamente confessato di aver scoperto per caso) tratte dai suoi lavori più celebri e poste a confronto con riproduzioni di opere d’arte che sono state sua fonte d’ispirazione. Settanta “cavalletti luminosi”, tra cinquanta cine-fotografie originali e venti copie su tela dei dipinti che hanno ispirato la sua attività di indagine e di studio nel rapporto tra la Cinematografia e le altre arti.

Vittorio Storaro descrive il suo progetto culturale specificando che“Foto-grafare” (dal greco phos - luce e graphé - grafia) è “Scrivere con la Luce”. Ed è quello che accade con questa straordinaria opportunità  visiva di dialogo tra diverse epoche. La fotografia – ha chiarito il maestro - è espressione in una singola immagine, come la pittura; la cinematografia è invece un’espressione in immagini multiple. Questa, quindi, non è solo una mostra fotografica ma in realtà un’esposizione di varie forme di arte: la scrittura, perché tutto parte da una storia; la fotografia pura; la cinematografia”. 

Tecnica e narrativa sono le componenti delle sue creazioni, che viaggiano dalla mobilità cinematografica alla fissità dell’istantanea, con la padronanza e lo stile di un autore della fotografia cinematografica che ha basato la sua carriera su una costante attenzione alla composizione dell’immagine e al valore espressivo della Luce, dei Colori e degli Elementi. Luce, Colori ed Elementi sono i titoli delle tre sezioni della mostra, Storaro ripercorre i grandi artisti che hanno ispirato la sua ricerca Caravaggio, Bacon, Rousseau, Carpaccio, Magritte, Dejneka e Botticelli, evidenziando quell’equilibrio tra Luce, Colori ed Elementi ricercato e ricreato da lui fin dagli esordi della sua carriera. “In modo esemplare nella Vocazione di San Matteo di Caravaggio – ha detto Vittorio Storaro -  ho sentito una folgorazione così potente, da permeare ed indirizzare l’intera mia carriera creativa”

EVENTI SPECIALI

Palazzo Merulana, che si conferma anche in questa occasione centro produzione culturale e di confronto, profondamente attento al cinema contemporaneo, ospiterà nel periodo della mostra anche alcuni eventi speciali:

venerdì 9 ottobre Antonio Monda incontrerà il Maestro Storaro nell’ambito del Festival internazionale Le Conversazioni, che anche quest’anno farà tappa a Palazzo Merulana. Fondato nel 2006 dallo stesso Monda e Davide Azzolini, il Festival era in origine e dedicato esclusivamente alla letteratura. Successivamente i campi di interesse e riflessione si sono estesi anche ad altre discipline, come il Cinema;

sabato 10 ottobre “Omaggio a Vittorio Storaro, Oscar della Luce”: l’artista Marco Tamburro presenterà e omaggerà il Maestro Storaro con una sua opera pittorica inedita, che rappresenterà con ironia e descrizione il mondo della fotografia.

Inoltre dal 21 al 23 ottobre la mostra farà da cornice ai “Duel”, ciclo di appuntamenti della Festa del Cinema di Roma (15-25 ottobre all’Auditorium Parco della Musica a Roma) inaugurato nell’edizione 2019. Due personalità del mondo artistico, della cultura e dello spettacolo si “sfideranno” davanti al pubblico, confrontando opinioni divergenti su temi legati al cinema, ai suoi protagonisti, alle sue storie.

Vademecum

ROMA – Palazzo Merulana – Via Merulana 121

“Vittorio Storaro: Scrivere con la Luce”

da venerdì 18 settembre a domenica 1 novembre 

Modalità di  partecipazione

Intero € 10,00
Ridotto € 8,00 (Giovani under 26, adulti over 65, insegnanti in attività, possessori di Cartax2, possessori Lazio Youth card)
Scuole € 6.00 (per studente). Prenotazione obbligatoria turno ingresso scuole € 20.00
Gruppi € 8.00 a persona (min 8, max 20 persone) Prenotazione obbligatoria turno ingresso gruppi € 30.00
Gratuito (bambini under 7, un insegnante ogni 10 studenti, un accompagnatore ogni 10 persone, disabile con accompagnatore, possessori Palazzo Merulana Pass e Palazzo Merulana Pass Young, membri ICOM, guide turistiche con patentino)

Visite guidate gruppi: su prenotazione: €100.00 (collezione +mostra) max 20 pax
Visite guidate scuole: su prenotazione: €80.00 (collezione +mostra) max 1 gruppo classe
I  gruppi e le scuole dovranno necessariamente prepagare turno e biglietti chiamando al 
0639967800 o  scrivendo ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

online

Il biglietto di ingresso consente l’accesso alla Collezione Cerasi, rinnovata nel suo allestimento e integrata di nuove opere inedite, e alla mostra “Vittorio Storaro. Scrivere con la luce”

Diritti di prenotazione 2.00 €

Info
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ultima modifica il Venerdì, 18 Settembre 2020 10:27


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio