160x142-banksy-palermo.gif

Giovedì, 01 Ottobre 2020 16:47

MAXXI. Per il decennale la collezione si arricchisce con le opere di 9 grandi maestri italiani, da Accardi a Schifano

Scritto da 

Le nuove acquisizioni, rese possibili grazie a un contributo del MiBACT, vengono presentate nella mostra “Senzamargine. Passaggi nell’arte italiana a cavallo del millennio”, visitabile dal 2 ottobre 2020 fino al 10 ottobre 2021

Hanru, Melandri, Franceschini, Pietromarchi - Foto Musacchio Hanru, Melandri, Franceschini, Pietromarchi - Foto Musacchio

ROMA - E’ stata presentata giovedì 1° ottobre 2020, da Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI; Hou Hanru, Direttore artistico del MAXXI; Bartolomeo Pietromarchi, Direttore del MAXXI Arte, la mostra “Senzamargine. Passaggi nell’arte italiana a cavallo del millennio”. Alla presentazione è intervenuto il Ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini. 

L’esposizione, a cura di Bartolomeo Pietromarchi,  presenta alcune delle nuove, le nuove acquisizioni in collezione, rese possibili grazie a un contributo del MiBACT. 

Si tratta di opere di nove grandi maestri imprescindibili dell’arte italiana contemporanea, tutt’oggi punto di riferimento per le generazioni più giovani: Carla Accardi, Luciano Fabro, Luigi Ghirri, Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, Paolo Icaro, Jannis Kounellis, Anna Maria Maiolino, Claudio Parmiggiani,  Mario Schifano. 

"Per i 10 anni del Maxxi abbiamo incrementato le risorse per arricchire la collezione di questo museo. E' una missione istituzionale - Ha detto Franceschini - “Non siamo arrivati ancora al livello degli altri modelli europei per l'arte contemporanea. Siamo un po' indietro, ma vogliamo arrivarci in fretta" - ha aggiunto il ministro.

“Sono particolarmente orgogliosa  di questo progetto. - Ha commentato Giovanna Melandri - La collezione di arte, architettura e fotografia  è l’anima del MAXXI, la sua identità. Incrementarla, conservarla e renderla fruibile è la principale missione del Museo nazionale del contemporaneo. In questi primi 10 anni, è stato fatto molto per  ampliarla e valorizzarla, solo la collezione Arte è più che raddoppiata, e altrettanto e di più  faremo nei prossimi 10. Ringrazio il MiBACT, socio fondatore della Fondazione MAXXI, il Ministro Dario Franceschini e il Parlamento tutto: ora le opere di questi grandi maestri diventano patrimonio collettivo di tutti gli italiani”.

“E’ un giorno importante per il MAXXI – ha affermato Bartolomeo Pietromarchi - . Le opere scelte di questi nove maestri, che rappresentano la vitalità e la diversità della scena artistica in Italia, espressione di una ricerca indipendente e originale e punto di riferimento per le generazioni successive. L’ingresso in Collezione consolida il prestigio, la forza,  l’identità, la missione di conservazione, studio, ricerca e sperimentazione del museo e nel contempo ne rafforza la fruibilità”.

La mostra 

L’esposizione è ospitata negli spazi della Galleria 1, al piano terra del museo. Qui si susseguono una serie di “stanze”, ognuna delle quali dedicata a un artista di cui sono esposte grandi installazioni, opere importanti realizzate negli anni a cavallo del millennio, opere senzamargine, per parafrasare il titolo della rivista d’avanguardia fondata e diretta nel 1969 da Alberto Boatto, a cui contestualmente è dedicato un focus di approfondimento nell’Archive Wall. 

Si parte con Luigi Ghirri, di cui sono presentate 30 fotografie pubblicate nel 1989 nel volume Paesaggio italiano per la collana I Quaderni di Lotus. Paesaggio italiano è parte del Fondo Ghirri della rivista Lotus International, con cui il maestro ha collaborato per circa dieci anni dal 1983 e che comprende oltre 350 fotografie, pubblicazioni originali, testi e materiali di lavoro vari.

Si prosegue con l’ambiente dedicato a Mario Schifano. Nelle opere qui esposte (il grande PVC Per Esempio, i dipinti Segni e Ritracciato, i tondi Chi e Dolore) - originariamente presentate a Roma nel 1990 nella mostra Divulgare al Palazzo delle Esposizioni, e nel 1992 in parte danneggiati da un incendio – Schifano torna a meditare sul potere anestetizzante della televisione, insieme feticcio e ossessione personale. soffermandosi sull’esposizione costante a una overdose di immagini sempre più svuotate di significato.

Di Luciano Fabro sono esposte due tra le opere più note dell’Arte Povera: Enfasi (Baldacchino) e Italia all’asta

Le due tele Bianco argento e Bianco argento 3 di Carla Accardi riflettono l’indagine sul segno che ha accompagnato l’artista per tutta la sua carriera e che qui si fa semplificato e geometrico. Le tele dialogano con l’installazione Casa Labirinto, esposta per la prima volta a Palazzo Doria Pamphilj di Valmontone nel 2000.

Jannis Kounellis, è presente in mostra con  la potente installazione Senza titolo del 2014. Presentata per la prima volta a Todi e poi a Londra nel 2014, è tra le ultime realizzate dall’artista.

Claudio Parmiggiani ha ideato appositamente per il MAXXI Senza titolo, una delle sue famose delocazioni,  opere che realizza impiegando fuoco, fumo e fuliggine che rivelano la sagoma di oggetti assenti. 

Di Anna Maria Maiolino, artista di origine italiana che vive e lavora in Brasile, sono in mostra una serie di opere che riflettono la commistione di linguaggi, tra sculture, fotografie e disegni, di diversa provenienza, che raccontano il percorso di questa artista particolarmente impegnata nell’indagare il ruolo sociale della donna. 

Chiude il percorso la stanza dedicata a Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, capisaldi della ricerca sull’immagine in movimento negli ultimi decenni, cui  il MoMA di New York e il Centre Pomipdou di Parigi hanno dedicato importanti retrospettive. 

In occasione della mostra, grazie al finanziamento del MiBACT, sono in corso di acquisizione le seguenti opere: Lugi Ghirri, Fondo Lotus International; Luciano Fabro, Italia all’asta, 1994; Carla Accardi, Bianco argento, 2000 + Biancoargento 3, 2001; Jannis Kounellis, Senza titolo, 2015; Paolo Icaro, Spiette, 36, 1991; Claudio Parmiggiani, Senza titolo, 1998-2020; Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, corpus Dal Polo all’Equatore, 1982-1986, oltre all’intero archivio di Superstudio e due modelli della Ville Spatiale di Yona Friedman.

Vademecum

SENZAMARGINE.
PASSAGGI NELL’ARTE ITALIANA A CAVALLO DEL MILLENNIO

dal 2 ottobre 2020 al 10 ottobre 2021
con ingresso gratuito dal martedì al giovedì
e, grazie ad Acea, ogni terzo venerdì del mese fino alle 22.00

sabato 3 ottobre incontro con Massimo Recalcati dedicato a Claudio Parmiggiani

www.maxxi.art

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 01 Ottobre 2020 17:18


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio