160x142-banksy-palermo.gif

Giovedì, 08 Ottobre 2020 11:54

Firenze. “Profondo Oro”, Flavio Favelli in mostra negli spazi della fabbrica Gori Tessuti e Casa. Foto

Scritto da 

Fino al 28 marzo 2021, il nuovo progetto dell’artista concepito appositamente per l’architettura che lo accoglie. Una riflessione sull’universo sociale nazionale e sull’aspirazione al lusso e al benessere materiale che ha caratterizzato il sogno italiano dal boom economico ai tempi più recenti. L’oro del titolo non allude alla pregevolezza del metallo ma alle patine che travestono materiali meno nobili

Flavio Favelli, Made In Italy, 2020, acrilico su muro, cm 950x1200. Ph. Serge Domingie © Flavio Favelli Flavio Favelli, Made In Italy, 2020, acrilico su muro, cm 950x1200. Ph. Serge Domingie © Flavio Favelli

FIRENZE - “Profondo Oro” è il titolo della mostra di Flavio Favelli (Firenze, 1967), a cura di Pietro Gaglianò, ospitata fino al 28 marzo 2020 negli spazi della Gori Tessuti e Casa di Calenzano (Firenze). 

L’esposizione è il secondo episodio, dopo la mostra di  Vittorio Corsini, di “Arte in Fabbrica”, il progetto  ideato da Fabio e Paolo Gori, figli di Giorgio Gori, importante collezionista e patron di Fattoria di Celle, per conciliare i ritmi dell’azienda con l’esperienza diretta dell’arte. 

Le opere presentate da Favelli sono tutte inedite e concepite appositamente per l’architettura che le accoglie, dal grande dipinto su muro, che rimarrà come opera permanente su una delle facciate esterne, fino alle installazioni e alle sculture visibili negli spazi espositivi recentemente aperti al pubblico.

Con questo progetto l’artista fiorentino propone una riflessione su quell’aspirazione al lusso e al benessere materiale che ha caratterizzato il sogno italiano dal boom economico degli anni Cinquanta ai tempi più recenti, fino al vissuto dell’artista. Lo status sociale che si manifesta attraverso l’habitat della famiglia, la casa con i suoi arredi, gli accessori, le finiture, in un illusorio senso di appartenenza e soprattutto di apparenza. Per questo nel titolo della mostra la parola “oro” non sta a suggerire la pregevolezza del metallo, piuttosto la patina che invece traveste materiali meno nobili, evocando una preziosità  fittizia e un lusso solo presunto. 

Il colore oro domina il murale all’aperto e da lì si ramifica ed emerge sul corpo delle installazioni all’interno. Le due grandi sculture sono composte con ante e pannelli per specchiere di armadi e altri mobili dismessi, provenienti da questa cultura dell’arredamento.

Questo è il mondo al quale in larga parte guarda Favelli, e dal quale provengono gli elementi ricorrenti della sua estetica: uno scenario che può essere sintetizzato come un ritratto di famiglia borghese in un interno le cui parti tornano a edificare uno scenario ambivalente. 

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Gli Ori.

Vademecum

Flavio Favelli
Profondo Oro
a cura di Pietro Gaglianò
progetto speciale per Arte in Fabbrica
18 settembre 2020 – 28 marzo 2021
Arte in Fabbrica – Gori Tessuti e Casa
via Vittorio Emanuele 9, Calenzano (Firenze)
Orari
da lunedì a venerdì
10-13 / 15-18
Informazioni
tel. 055 8876321 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultima modifica il Giovedì, 08 Ottobre 2020 12:07


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio