WEB-160x142.gif

Venerdì, 09 Settembre 2016 15:39

Bologna. Omaggio alla femminilità nella Belle Époque. Da Toulouse-Lautrec a Ehremberger

Scritto da 

Al Museo MAGI’900 di Pieve di Cento apre una nuova sala permanente con dipinti, sculture, manifesti, incisioni e riviste dei maggiori protagonisti dell’arte europea tra Ottocento e Novecento

Giovanni-Boldini, Il cappellino azzurro, olio su tela, cm-46x55 Giovanni-Boldini, Il cappellino azzurro, olio su tela, cm-46x55

BOLOGNA - Tra le anticipazioni per questo autunno da segnalare una particolare ed interessante esposizione al Museo MAGI’900 di Pieve di Cento (Bologna).  Si tratta della mostra permanente dal titolo “Omaggio alla femminilità nella Belle Époque. Da Toulouse-Lautrec a Ehremberger”, a cura di Fausto Gozzi e Valeria Tassinari, che inaugurerà sabato 5 novembre 2016 alle ore 17.00.

Il Museo apre infatti una nuova sezione espositiva, nella quale opere originali dialogano con riviste, manifesti, documenti, stampe e oggetti dell’epoca, per rendere omaggio alla rilevanza assunta dalla figura della donna nell’estetica e nella società in quei magici decenni di passaggio tra i due secoli.
Il mito della Belle Époque, con la sua immagine di età dell’oro animata da un’incredibile euforia, è il riflesso del respiro europeo e del desiderio d’innovazione che hanno segnato fondamentali cambiamenti nella società, nel gusto, negli stili di vita e nella comunicazione dell’età contemporanea. Questo clima effervescente rivivrà appunto al MAGI’900 attraverso un allestimento costruito sul filo sottile della seduzione femminile.
Il percorso espositivo sarà scandito da una ricca selezione di materiale fotografico e documentario in grado di tracciare una lettura tematica di apertura internazionale, intorno ad alcuni capolavori molto noti. L’immagine della donna e tutto ciò che evoca l’idea di “eterno femminino” viene evocata attraverso dipinti, sculture, manifesti, incisioni e riviste che vedono protagonisti artisti come Boldini, Bonzagni, Corcos, Dudovich, Helleu, Martini, Ehremberger, Rops, Toulouse-Lautrec e molti altri illustri artisti dell’arte europea tra Ottocento e Novecento.
Uno spazio particolarmente significativo è poi riservato alle riviste illustrate, pubblicazioni molto diffuse con cui collaboravano i migliori autori dell’epoca, contribuendo in maniera fondamentale alla diffusione di modelli di bellezza e comportamento più spregiudicati e seduttivi. In questa ampia ricognizione sulle principali riviste europee, figura anche un rarissimo esemplare di Le Rire del 1895-96 che contiene alcune delle più ricercate litografie di Toulouse-Lautrec.

In occasione dell’inaugurazione della sala, dopo la presentazione dei critici e la visita della mostra, sarà rievocata una speciale atmosfera con musica e danza dell’epoca.

Vademecum
MUSEO MAGI ‘900
Via Rusticana A/1 – 40066 Pieve di Cento (BO)
Aperto dal martedì alla domenica, dalle ore 10.00 alle ore 18.00
tel. ­+39 051 6861545 – fax +39 051 6860364
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.magi900.com - facebook.com/MuseoMagi900 - twitter.com/MuseoMagi900

 

Ultima modifica il Lunedì, 12 Settembre 2016 16:40


WEB-250x300.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio