BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Venerdì, 04 Novembre 2016 10:41

Il Mart di Rovereto ospita dal 5 novembre “Umberto Boccioni. Genio e memoria”

Scritto da 

Centocinquanta opere, provenienti da importanti istituzioni museali e collezioni private italiane e straniere, in una versione espositiva inedita in dialogo con l’identità del Museo della Città della Quercia

Umberto Boccioni, Nudo di spalle (Controluce) 1909, particolare Umberto Boccioni, Nudo di spalle (Controluce) 1909, particolare

TRENTO - La mostra sul padre della pittura futurista, Umberto Boccioni, nel centenario della sua morte, arriva a Rovereto dopo la tappa milanese di Palazzo Reale che si è conclusa lo scorso 10 luglio. In una versione espositiva inedita, dal 5 novembre, 150 opere dell’artista dialogheranno con l’identità del Mart, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea della Città della Quercia.
“Umberto Boccioni. Genio e memoria” questo il titolo della rassegna che propone disegni, dipinti, sculture, incisioni, fotografie d'epoca, libri, riviste e documenti che raccontano il percorso creativo e la storia dell’artista.
Il progetto espositivo è stato concepito dai curatori, Francesca Rossi (Castello Sforzesco di Milano) e Agostino Contò (Biblioteca Civica di Verona), secondo un taglio critico in grado di di offrire una panoramica anche sulle fonti visive che hanno contribuito alla formazione e all’evoluzione dello stile dell’artista, attraverso accostamenti con opere di maestri antichi e contemporanei.
La mostra è quindi arricchita da una serie di scritti e documenti inediti, rinvenuti recentemente presso la la Biblioteca Civica di Verona, da un corpus di disegni dell’artista provenienti dal Castello Sforzesco, integrati da documenti dell’Archivio del ’900 del Mart di Rovereto, oltre che da alcuni dipinti determinanti nella produzione dell’artista.
Si potranno ammirare opere come Nudo di spalle (Controluce) (1909), proveniente dalle collezioni del museo, ma anche Forze di una strada (1911) del City Museum of Art di Osaka, Costruzione spiralica (1913-1914) del Museo del Novecento di Milano e la celeberrima scultura icona della plastica futurista e riprodotta sulle monete italiane da 20 centesimi di euro, Forme uniche della continuità nello spazio (1913), presentata in una fusione surmoulage del 1972, proveniente dall’Israel Museum di Gerusalemme.
La rassegna, visitabile fino al 19 febbraio 2017, è frutto di un lavoro di ricerca svolto dai Musei Civici di Milano e promossa dalla Soprintendenza del Castello Sforzesco, in collaborazione con il Museo del Novecento, il Palazzo Reale di Milano, il Mart di Rovereto e la casa editrice Electa.

Vademecum 

Mart Rovereto
Corso Bettini, 43
38068 Rovereto (TN)
T. 800 397760
Orari
mar-dom 10.00-18.00
ven 10.00-21.00
lunedì chiuso
Biglietto intero 11 euro, ridotto 7 euro, gratuito fino ai 14 anni
Ingresso gratis per tutti ogni prima domenica del mese
Informazioni
T.+39 0464 438887
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.mart.trento.it

Ultima modifica il Venerdì, 04 Novembre 2016 11:16


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio