160x142-picasso.gif

Lunedì, 07 Novembre 2016 16:25

Al MACRO di Roma la mostra "Lia Drei/Francesco Guerrieri. La regola e l'emozione 1962-1973"

Scritto da 

Lia Drei (Roma 1922-2005) e Francesco Guerrieri (Borgia 1931-Soverato 2015) sono stati compagni nella vita e nell’arte e sono stati protagonisti, in particolare a Roma negli anni ’70, di una serie di ricerche gestaltiche, programmate e strutturaliste

Lia Drei,Operazione spaziocromatica 01, 1963, acrilico su tela, cm 80x100 Lia Drei,Operazione spaziocromatica 01, 1963, acrilico su tela, cm 80x100

ROMA - Dall’11 novembre fino al 15 gennaio 2017, il MACRO rende omaggio ai due artisti con una mostra dal titolo LIA DREI/FRANCESCO GUERRIERI. La regola e l'emozione 1962-1973, curata da Federica Pirani e Gabriele Simongini.

Negli anni sessanta i due artisti fondarono, insieme a Di Luciano e Pizzo, il Gruppo 63 (1962-63) e poi, in coppia, il Binomio Sperimentale p. (1963-68). Sempre negli stessi anni parteciparono ai fondamentali Convegni internazionali di Verucchio e alle varie mostre-dibattito itineranti del movimento strutturalista. Lia Drei che Francesco Guerrieri portarono dunque avanti una ricerca comune, pur distinguendosi nelle loro reciproche differenze.

Resta fondamentale nella loro ricerca l’importanza dell’intuizione, sottolineata dalla Dichiarazione di poetica di Verucchio del settembre 1963: “La ricerca deve avere un suo campo d’indagine, altrimenti non avrebbe ragione d’essere. Nel nostro caso non può che essere ESTETICA. Quindi per quanti metodi rigorosamente logici e scientifici si vogliano adottare, essa non sarà mai rigidamente logica, ma sempre e necessariamente METALOGICA. Ciò non fa scadere il valore della ricerca secondo una valutazione scientifica: molte verità delle scienze e della stessa matematica sono puramente intuitive, perché in molti casi l’intuizione è il solo mezzo di conoscenza dato all’uomo”.

L’esposizione attraverso un nucleo di 27 opere cerca di ricostruire e documentare, anche attraverso lavori inediti, la peculiarità della loro ricerca. Il percorso è arricchito da una serie di documenti dell’epoca e di taccuini inediti dei due artisti, oltre a un film di Pierfrancesco Bargellini intitolato “Un modo di farsi l’Arte insieme all’artista” (1970). Le opere provengono dal’’Archivio Drei/Guerrieri, dalla collezione del MACRO e da un’importante collezione privata romana.

Il catalogo della mostra, edito da Manfredi Edizioni, contiene saggi di Federica Pirani, Gabriele Simongini, e Antonia Arconti, una testimonianza di Luigi Paolo Finizio e un’intervista del 2013 a Francesco Guerrieri sullo Sperimentale p.

Vademecum

LIA DREI/FRANCESCO GUERRIERI
La regola e l'emozione 1962-1973
a cura di Federica Pirani e Gabriele Simongini
Apertura al pubblico: 11 novembre 2016 – 15 gennaio 2017
MACRO - Museo d’Arte Contemporanea Roma
Project Room 1, Via Nizza 138
MACRO
via Nizza 138, Roma
Orario: da martedì alla domenica ore 10.30-19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima)
Chiuso il lunedì
MACRO via Nizza
Tariffa intera: non residenti 11,00 €, residenti 10,00 €.
Tariffa ridotta: non residenti 9,00 €, residenti 8,00 €.
MACRO via Nizza + MACRO Testaccio
Tariffa intera: non residenti 13,50 €, residenti 12,50 €
Tariffa ridotta: non residenti 12,50 €, residenti 11,50 €
Informazioni sugli aventi diritto alle riduzioni: www.museomacro.org
INFO: 060608
www.museomacro.org

Ultima modifica il Lunedì, 07 Novembre 2016 16:37



250x300Haring.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio