160X142.jpg
Domenica, 19 Marzo 2017 10:25

“Encontrando - Il tango come incontro” a Villa Torlonia

Scritto da 

A Roma una mostra fotografica racconta il fascino del tango in una serie di scatti in 3D. In abbinamento anche una serie di appuntamenti di danza

ROMA - Il tango “entra” negli spazi del Teatro di Villa Torlonia: dal 19 marzo al 2 aprile arriva la mostra fotografica Encontrando – Il tango come incontro curata da Gaia Camanni e Vanja Corà con opere di Philippe Antonello e Stefano Montesi. Il progetto, ideato dall’associazione culturale Deseo con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia si propone di suggerire una riflessione sul tango come metafora dei rapporti interpersonali.

La scintilla che fa nascere un tango è un incontro, di sguardi e di corpi, che può rappresentare un'occasione di scoperta e di creazione: il verbo encontrar, in spagnolo, vuol dire trovare, non solo incontrare.

Ogni movimento nel tango è frutto di una continua improvvisazione, che può avvenire solo se la comunicazione fluisce ininterrottamente. Il potenziale creativo della coppia, e quello del singolo nel suo rapporto con la musica, si può sprigionare solo a condizione che ognuno dei due ballerini compia, come in ogni relazione, un lavoro costante per cercare e mantenere il contatto che serve, senza tuttavia ledere l'individualità e l'equilibrio del singolo. L'abrazo tanguero ha infatti una particolare struttura: è fatto di pieni e vuoti, di contatto e di distanza.

La profondità offerta dall'immagine fotografica 3D, scelta per realizzare il progetto, riesce a restituire sia lo spazio attraversato dai soggetti, che quello, minimo ma fondamentale, che li distanzia nell'abbraccio. Inoltre, l’essenza stessa del 3D appare simbolica dell'esperienza di una coppia: l’effetto tridimensionale dell'immagine finale è infatti la risultante dell’unione di due immagini scattate sincronicamente, ma da due punti di vista leggermente differenti.

L'uso dell'esposizione prolungata contribuisce poi, con le sue scie, a produrre un'immagine che conserva traccia della dimensione tempo: in alcuni momenti solo accennate, pennellate, danno forma alla memoria del vissuto della coppia, sono le continue scelte di percorso che l'hanno condotta fin lì, ma anche momenti più remoti, istantanee di esperienze passate.

Philippe Antonello

Nasce a Ginevra, dove inizia il suo percorso fotografico all’Accademia della Belle Arti. Dopo esperienze in Svizzera, Francia, Inghilterra, approda a Roma, dove lavora come fotografo di scena sul set di registi quali Nanni Moretti, Silvio Soldini, Mel Gibson, Wes Anderson e Ridley Scott. Contemporaneamente porta avanti la sua ricerca artistica esponendo in mostre collettive e individuali.

Stefano Montesi

Nasce a Roma, ma inizia il suo percorso fotografico a Milano. Lavora come ritrattista di star del cinema come Dustin Hoffman, Nicole Kidman, Russel Crowe, Penelope Cruz, Anthony Hopkins, Sean Penn. Espone le proprie immagini nei festival cinematografici di Berlino e Venezia. Suoi lavori vengono pubblicati su numerose riviste, quali Vanity Fair, A, Sight&Sound, Glamour, Io Donna.

Nel 2010, i due fotografi uniscono le loro esperienze dedicandosi a un lavoro di ricerca sulla fotografia 3D, che vanta già esposizioni e pubblicazioni dedicate.

Vademecum

TEATRO DI VILLA TORLONIA
Via Lazzaro Spallanzani, 1a - Roma
Tel. 06.4404768 – 060608
Libra Esva ha rilevato un possibile tentativo di phishing da "www.google.com" www.teatrodivillatorlonia.it   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ingresso libero
dal 19 marzo al 2 aprile 2017
Dal martedì alla domenica ore 11 - 17
Domenica 26 marzo e domenica 2 aprile, ore 13 -17
Inaugurazione domenica 19 marzo alle ore 11 alla presenza dei curatori
Gaia Camanni e Vanja Corà

Ultima modifica il Domenica, 19 Marzo 2017 10:48

300X300.jpg

Banner-DeChirico-300x300.jpg

Flash News

Attualità*