IMG_4882.JPG

Martedì, 06 Marzo 2018 13:00

Dall’8 marzo agli Uffizi una mostra dedicata a una grande artista: Maria Lai. Foto

Scritto da 

Nell’Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti, fino al 3 giugno 2018, tradizione e contemporaneità si legano attraverso il “tema del filo”

Maria Lai Il mare ha bisogno di fichi 1986 stoffa e filo Ulassai (Nuoro), Stazione dell’Arte Maria Lai Il mare ha bisogno di fichi 1986 stoffa e filo Ulassai (Nuoro), Stazione dell’Arte

FIRENZE - Dopo una mostra a lei dedicata nel 2004, Maria Lai (Ulassai, 27 settembre 1919 – Cardedu, 16 aprile 2013) torna nelle Gallerie degli Uffizi in occasione dell’8 marzo. L’opera dell’artista, che coniuga la tradizione della civiltà sarda con i linguaggi dell’arte contemporanea, si è imposta in settant’anni di attività, non solo a livello nazionale, ma anche internazionale. Lo dimostra la sua presenza, l’anno scorso, sia alla Biennale di Venezia, sia a Documenta di Kassel.

La rassegna, a cura diElena Pontiggia, dal titolo "Il filo e l'infinito" che Firenze dedica a questa grande donna e artista, ha come tema conduttore appunto “il filo”. 

SpiegaEike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi: “Al centro di questa rassegna sta il mezzo più tipico del suo lavoro cioè quel filo che “lega e collega” in maniera senz’altro viva e che infatti spesso rimane libero e non ancora cucito: tra i vari riferimenti mitologici non può che ricordare Penelope che tesse durante il giorno e nella notte scioglie i fili”.  Così i “telai scultorei” realizzati tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta del Novecento, con la loro disposizione di fili paralleli o radiali possono alludere anche alle casse di risonanza degli strumenti a corda, e perciò evocare melodie e ritmi musicali, come tra l’altro avviene con le sculture bronzee e marmoree di Barbara Hepworth che includono stringhe. I fili in tensione, quelli cuciti e quelli che cadono liberamente, disegnano forme e paesaggi che interagiscono con spazi, volumi e testi, senza tuttavia mai formare delle reti. Si tratta di una prassi del tutto analogica, che implicitamente rifiuta la metafora guida della nostra era digitale, e invece cuce insieme e dissolve il libro, medium per eccellenza della memoria e della comunicazione: il libro, le cui righe di scrittura si confondono con le sottolineature e con i piccoli, arricciati disegni marginali, che a loro volta insieme alle lettere diventano segnalibri, o si mescolano con i nidi di fili della rilegatura allentata. La parola pura, immateriale, diventa tattile".

La mostra celebra la ricerca dell’artista che si è svolta per più di un settantennio, con un costante rinnovarsi del linguaggio che la porta dal realismo lirico degli anni Quaranta alle scelte informali dei tardi anni Cinquanta e dai lavori polimaterici dei primi anni Sessanta alle successive opere concettuali.

Legarsi alla montagna, che si vede nei video con cui idealmente si apre questa mostra, è la prima opera relazionale compiuta in Italia e si ispira a un’antica leggenda che tutti a Ulassai conoscevano: la storia di una bambina che, durante un furioso temporale, esce dalla grotta dove si era rifugiata, attratta da un bellissimo nastro che vola nel cielo e, con quel gesto a prima vista azzardato, si salva da una frana devastante. L’insegnamento della leggenda è semplice: la bellezza e l’arte, apparentemente così inutili, ci salvano la vita.

Il primo filo da considerare in questa mostra è dunque quel nastro ormai distrutto (strisce di tela lunghe in tutto ventisei chilometri) con cui Maria Lai entra nella scena dell’arte contemporanea internazionale.

Nel 1967 Maria Lai realizza Oggetto-paesaggio, esposto nella prima sala della mostra. Si tratta di un telaio disfatto, ingombro di fili spezzati e senza ordine, che occupa lo spazio come un totem. Una scultura/installazione che dialoga con l’arte concettuale, in particolare con il Nouveau Réalisme di Arman e Spoerri, e più ancora con le “armi” di Pascali, dell’anno precedente. Già qui il rapporto doppio col passato e con la contemporaneità è caratteristico della ricerca di Maria Lai e porta ogni suo lavoro a essere al tempo stesso aperto ai linguaggi dell’oggi e legato alle proprie radici e alla propria storia.

Seguono le Tele cucite, che da un lato continuano a evocare il mondo arcaico dell’arte tessile della Sardegna, dall’altro si inseriscono in quella ricerca espressiva che lavora non sulla tela, ma con la tela dialogando quindi con i polimaterici di Prampolini, i Sacchi di Burri, le Tele fasciate di Scarpitta, i tessuti irrigiditi dal caolino di Piero Manzoni, le tele di Castellani e Bonalumi o in quelle svuotate di Dadamaino. 

Il passo successive sono le Scritture dalle quali nascono, sempre alla fine degli anni Settanta , secondo un percorso strettamente consequenziale, i Libri che spesso si compongono in fiabe visive: tra le prime, Tenendo per mano l’ombra, del 1987, incentrato sulla capacità di accettare il negativo che è in noi tutti. 

Non mancano infine riferimenti a Firenze nell’opera dell’artista sarda: dalle mappe immaginarie di Leonardo da Vinci copiate a Firenze, fino all’opera Il mare ha bisogno di fichi, realizzata nel 1986 in occasione del ventesimo anniversario dell’alluvione del 4 novembre 1966.

Vademecum

Il Filo e l’infinito - Maria Lai
Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti, Firenze
8 marzo - 3 giugno 2018
Chiuso lunedì
Orari: martedì - domenica dalle 8.15 -18.50
tel. 055 294883

 

Ultima modifica il Lunedì, 12 Marzo 2018 12:38



IMG_4884.JPG

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio