Stampa questa pagina
Giovedì, 26 Aprile 2018 15:31

Fukushi Ito, online il nuovo sito per scoprirne la raffinata arte luminosa

Scritto da 

Si possono ammirare sul web le opere dell’artista giapponese molto legata all’Italia, al punto da considerarla una seconda patria. Sintesi di sperimentazione e tradizione, di stile e materia i suoi lavori offrono una esperienza unica nel suo genere

Raffinata e poetica, così può essere sintetizzata l’arte di Fukushi Ito, artista giapponese da sempre legata all’Italia, dove ha vissuto per ben trent’anni della sua vita. Due patrie dunque e due tradizioni diametralmente opposte, che l’artista è invece riuscita a far dialogare e coniugare in maniera equilibrata e armoniosa. L'arte di Fukushi Ito è frutto di ricerca, studio e sperimentazione.

La luce, da lei utilizzata come elemento unificante, può considerarsi tratto distintivo e cifra stilistica del suo lavoro. Mettere in connessione materiali della tradizione giapponese come la carta washi con luci, led, neon, ha permesso all’artista di dar vita ad opere immersive, dinamiche e dal carattere fortemente iconico. 

Installazioni ambientali, foto e trasparenze, videoproiezioni ri-creano infatti una realtà reinterpretata dall’artista per porre lo spettatore al centro di una esperienza virtuale del tutto unica e stimolante.

Lo scorso anno Ito è stata protagonista in Italia della mostra dal titolo “Persona. In the space e in the time” curata dal critico e filosofo Roberto Mastroianni, che si è tenuta  al MAG - MetaMorfosi Art Gallery di Amalfi e successivamente al MAG - MetaMorfosi Art Gallery di Spoleto. L'esposizione è stata solo l’ultimo di una serie di interventi realizzati da Ito in Italia, già a partire dagli anni '80, come ben documenta il nuovo sito che rappresenta appunto una finestra sul suo mondo creativo e sulla sua lunga attività nell'arco di oltre trent'anni. 

A questo link è possibile seguire il lavoro di Fukushi Ito. 

 

Ultima modifica il Venerdì, 27 Aprile 2018 09:42
Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)