160x142_canaletto_2.jpg

Mercoledì, 30 Maggio 2018 15:44

L’artista pakistano Amin Gulgee alla GAM di Roma. Fotogallery

Scritto da 

Per la prima volta a Roma l’installazione “7” di questo artista che ha fatto della laicità e della poesia una forma d’arte. Il progetto è ideato e curato da Paolo De Grandis e Claudio Crescentini, co-curato da Carlotta Scarpa

ROMA - Arriva per la prima volta a Roma l’installazione di Amin Gulgee (1969), artista e performer pakistano di fama internazionale. Si tratta di un nuovo concept espositivo del progettoFrom La Biennale di Venezia & OPEN to Rome. International Perspectives” promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

L’artista per la realizzazione dell’opera è partito da una frase in arabo, trascritta nella scrittura nakshi, intraducibile ma dal significato universale, dato che il riferimento è alla pace fra i popoli e all’amore umano. Gulgee divide la frase in sette parti, quelle del titolo, mediante delle leggerissime installazioni in bronzo, posate nel chiostro/giardino della GAM di via Crispi. La frase risulta quindi scomposta e ripetuta più volte nell'installazione, come in una meditazione spirituale, senza essere però leggibile e diventando quindi segno universale. 

Al di sotto della frase/segno è stato creato un tappeto di lettere di carbone e rame, non calpestabile, che ripete, sempre scomposta, la stessa frase, creando quindi una struttura metafisica di confronto fra verticali delle opere e orizzontale del tappeto, come metafora dell’alto e del basso, del cielo e della terra. 

Il 30 maggio, giorno dell’inaugurazione, alle ore 18.30,  in questo “spazio artistico” prenderà forma la performance ideata dallo stesso artista e il reading di poeti invitati dall’artista stesso a leggere loro poesie e scritti ispirati dal tema dell’opera. I poeti partecipanti sono Lucianna Argentino, Italo Benedetti, Stella Cacciamani, Antonella Maria Carfora, Patrizia Chianese, Laura Colombo, Rossana Coratella, Francesco Del Ferro, Stefania Di Lino, Andrea Felice, Camelia Mirescu, Daniela Monosi, Angelo Palombini e Maria Grazia Savino. 

Anche il pubblico presente verrà invitato a scrivere, sempre partendo dalla frase in nakshi, dichiarazioni di pace e d'amore come segno potenziale di libertà degli spiriti uniti da uno stesso pensiero che diventa azione.

La mostra, con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, sarà visitabile fino al 23 settembre 2018. 

 

Vademecum

“AMIN GULGEE / 7”
Dove
Galleria d’Arte Moderna di Roma
Via Francesco Crispi, 24
31 maggio – 23 settembre 2018
Inaugurazione: 30 maggio 2018, ore 18.30-21.00
Orari
Da martedì a domenica ore 10.00 - 18.30
L’ingresso è consentito fino a mezz’ora prima dell’orario di chiusura.
Giorni di chiusura: lunedì, 1 maggio
Biglietti
Biglietto di ingresso alla Galleria d’Arte Moderna: € 7,50 intero e € 6,50 ridotto, per i non residenti; € 6,50 intero e di € 5,50 ridotto, per i residenti; gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente.
Info
060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00)
www.museiincomune.it; www.galleriaartemodernaroma.it

 

Ultima modifica il Mercoledì, 30 Maggio 2018 16:15



250x300.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio