160x142_canaletto_2.jpg

Venerdì, 07 Settembre 2018 15:17

Al Centro Pecci di Prato la mostra dedicata alla collezione Grassi

Scritto da 

Dal 7 settembre al 2 dicembre 2018 il museo presenta la rassegna “Codice colore. Opere dalla collezione di Alessandro Grassi”, con la quale omaggia l’imprenditore toscano, considerato uno tra i più significativi collezionisti italiani

Being (1988) Gilbert&George Being (1988) Gilbert&George

PRATO - Con la mostra “Codice colore. Opere dalla collezione di Alessandro Grassi” il  Centro Pecci di Prato, in concomitanza con il suo trentesimo anniversario della sua apertura (1988-2018), celebra la figura di Alessandro Grassi, imprenditore nato a Prato nel 1942, affermatosi a Milano con un'azienda di inchiostri tipografici e scomparso nel 2009. 

Grassi, a partire dagli Ottanta, è stato uno dei collezionisti italiani più significativi e tra i primi sostenitori della Transavanguardia. E’ stato inoltre un convinto fautore della pittura postmoderna e della fotografia contemporanea di area europea e americana.

Curata da Stefano Pezzato, l’esposizione è incentrata su un nucleo di opere provenienti dalla collezione di Grassi (oggi in comodato al Centro Pecci), che evidenziano appunto la sua predilezione per la pittura e la fotografia,  ma comprende anche prestiti dal MART di Rovereto e da privati. 

Tra le opere esposte, suddivise in un percorso di tre sezioni: Fotografia contemporanea - Transavanguardia e dintorni - Pittura postmoderna e altro, si segnala  in particolare un grande arazzo (1989/1991) firmato da Alighiero Boetti e Mimmo Paladino, una grande tela iconica tricolore (1980), sorta di omaggio monumentale all'Italia diMario Schifano, uno dei primi artisti italiani a inserirsi nella scena americana fra i New Realists di matrice Pop, una celebre Jacqueline Kennedy di Andy Warhol. Poi ancora opere di William Eggleston, Stephen Shore, Nan Goldin, Wolfgang Tillmans, David Fischli & Peter Weiss, oltre a una grande composizione fotografica del 1988 di Gilbert & George, dal titolo Beingconcentrata nell'autoriflessione esistenziale di una figura giovanile in primo piano davanti ad un incandescente puzzle urbano.

In mostra è presente inoltre uno scatto (1999) realizzato da Armin Linke, che "inquadra" Alessandro Grassi fra le opere della sua collezione privata.

La rassegna resterà aperta la pubblico dal 7 settembre al 2 dicembre 2018.

Vademecum

Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci
Viale della Repubblica, 277, Prato
dal 7 settembre al 2 dicembre 2018
Orari
Tutti i giorni dalle 10 alle 20
Venerdì e sabato dalle 10 alle 23
Chiuso lunedì
Biglietti

Ultima modifica il Venerdì, 07 Settembre 2018 15:27


300x300_canaletto_2.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio