IMG_4882.JPG

Lunedì, 15 Ottobre 2018 13:10

Lorenzo Lotto a Macerata

Scritto da 

Dal 19 ottobre al 10 febbraio 2019 a Palazzo Buonaccorsi una esposizione dal respiro internazionale che rientra tra le operazione culturali per il  rilancio dei territori colpiti dal terremoto del 2016

Lorenzo Lotto, La Crocefissione, 1529-1534 Lorenzo Lotto, La Crocefissione, 1529-1534

MACERATA - “Lorenzo Lotto: Il richiamo delle Marche”  è la mostra dedicata al grande artista veneziano, particolarmente legato alle terre marchigiane, dove scelse di morire ed essere seppellito. 

L’esposizione non è l’unica dedicata all’artista, che è stato infatti già celebrato al Prado di Madrid e lo sarà alla National Gallery di Londra, dove una mostra aprirà il prossimo novembre. 

Questa marchigiana, a cura di Enrico Maria Dal Pozzolo - tra i massimi esperti dell’artista e co-curatore anche delle mostre di Madrid e Londra - è tuttavia una rassegna molto importante in virtù proprio del rapporto dell’artista con questo territorio, che fu per lui fonte di ispirazione e riferimento essenziale.

La mostra ospiterà opere provenienti da prestiti internazionali, create dall’artista per il territorio o comunque ad esso collegabili. Ci sono lavori che arrivano da collezioni come la Gemäldegalerie della Staatliche Museen di Berlino, il British Museum di Londra, Il Musèe du Louvre di Parigi, il Museo Nazionale Brukental di Sibiu, il Museo del Prado di Madrid o il Musée des Beaux Arts di Strasburgo, ma anche dal Museo Poldi Pezzoli di Milano, dal Museo Correr di Venezia e dalle Collezioni del Quirinale. Oltre alle 26 opere di Lotto, ci saranno anche lavori dei suoi allievi e dei suoi più stretti seguaci. 

"La qualità delle opere provenienti da tanti prestigiosi musei e il legame ideale con i luoghi marchigiani che  conservano i dipinti del Lotto, tutti da riscoprire nella loro bellezza - come la Crocifissione della  piccola chiesa di Santa Maria della Pietà in Telusiano a Monte San  Giusto, di nuovo visibile dopo le ferite del sisma del 2016 - evocano infinite suggestioni e generano un rinnovato senso di appartenenza." - ha detto il sindaco di Macerata  Romano Carancini.

Come spiegato dal sottosegretario ai Beni culturali, Gianluca Vacca, durante la conferenza stampa di presentazione, si tratta di una “splendida iniziativa culturale che va al di là della semplice mostra. Sono tanti gli spunti che devono essere sottolineati: innanzitutto la dimensione internazionale della mostra, visto quanto organizzato dal Prado e dalla National Gallery, con l’Ermitage che ha contribuito alla mostra; ma anche la dimensione locale è molto importante, perché tramite la cultura cerchiamo di far ripartire e dare una prospettiva al territorio”.

Moreno Pieroni, assessore regionale al Turismo delle Marche, ha invece sottolineato: “Lotto diventa un ambasciatore del nostro modo di vivere: circondati dalla bellezza. Uno degli eventi più prestigiosi della vita culturale delle Marche su cui la Regione ha investito molto sia in termini di realizzazione dell'allestimento che promozionali". 

Una mostra preziosa, che rivela al pubblico inediti materiali documentari sull’attività dell’artista e opere mai esposte in precedenti eventi – tra tutti una “Venere adornata dalla Grazie” di collezione privata, pubblicata da Zampetti nel 1957 e rimasta all’oscuro per sette decenni. 

Una mostra che è percorso di conoscenza, esperienza di riflessione, scoperta del territorio, piacere della vista:  una  esperienza immersiva nella Marca guidati dalla grazia di Lorenzo Lotto  per ritrovare un tempo innocente." - Ha evidenziato l'assessore alla Cultura - Stefania Monteverde.                                   

Da Macerata la mostra si allargherà poi a tutto il territorio regionale e nei diversi centri lotteschi, pure colpiti dal terremoto.

Il visitatore potrà effettuare un vero e proprio percorso alla scoperta dei tesori lottiani, ma anche delle località che li ospitano: Ancona Cingoli, Jesi, Loreto, Mogliano, Monte San Giusto, Recanati, Urbino. "Una mostra diffusa - ha aggiunto ancora Pieroni -. Una formula diversa e un messaggio importante di valenza nazionale e internazionale, considerando i prestiti dai più prestigiosi musei stranieri”. 

Vademecum

Biglietteria di Palazzo Buonaccorsi
 +39 0733.25.63. 61
Sferisferio + 39 0733.27.17.09
Orari e biglietterie 
Palazzo Buonaccorsi – Via Don Minzoni, 24
 Sferisterio – Piazza Nazario Sauro martedì – domenica: 10:00 – 18:00 chiuso il lunedì 
La biglietteria chiude 30 minuti prima dell’orario indicato.
Biglietti
Il biglietto unico  comprende: l’ingresso alla mostra; la visita di Palazzo Buonaccorsi e dello Sferisterio; CityTour a orari fissi.
Intero:  €10
Ridotto – €8
visitatori da 20 a 25 anni; possessori di tessera FAI, TOURING CLUB ITALIANO, COOP Alleanza 3.0, Italia Nostra; insegnanti Ridotto – €5
(gruppi min 15 persone - max  25; gruppi scolastici min 15 persone - max  30)
Ridotto – €3 (residenti Città di Macerata)
Ridotto area sisma: €3 (residenti nell’area del cratere)
Formula famiglia: biglietto adulto  intero o ridotto, bambini e ragazzi gratuito fino a 19 anni
Gratuito: bambini, ragazzi, giovani 0-14 anni; soci ICOM; giornalisti muniti di regolare  tesserino; persone disabili e accompagnatore; possessori della Card McCULT
Il biglietto è valido 10 giorni dal giorno della sua  emissione.

http://www.comune.macerata.it

Ultima modifica il Domenica, 14 Ottobre 2018 21:05



IMG_4884.JPG

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio