160x142-haring-proroga.gif

Sabato, 15 Dicembre 2018 11:03

"Vasimania", la mostra a Casa Buonarroti. Immagini

Scritto da 

Fino al 28 febbraio 2019 un'esposizione, a cura di  Maria Grazia Marzi e Clara Gambaro, che intende analizzare e ripercorrere l’interesse antiquario e collezionistico, a partire dal Settecento, per la ceramica

Bernard de Montfaucon, L'antiquité expliquée et représentée en figures, Supplement III, Paris 1724 volume a stampa, cm 44,5x62 (aperto) Firenze, Biblioteca Marucelliana, 1.K.II.7 Bernard de Montfaucon, L'antiquité expliquée et représentée en figures, Supplement III, Paris 1724 volume a stampa, cm 44,5x62 (aperto) Firenze, Biblioteca Marucelliana, 1.K.II.7

Nel 1726, a Firenze, viene pubblicato il De Etruria regali di Thomas Dempster con l’aggiunta delle Explicationes et conjecturae di Filippo Buonarroti, un evento, come tiene a sottolineare una delle due curatrici della mostra Maria Grazia Marzi, tra i “più importanti della storia dell’archeologia e della storia della ceramica antica”.

È proprio da qui che si deve partire se meglio si vuole interpretare ed apprezzare la mostra Vasimania, dalle Explicationes di Filippo Buonarroti al Vaso Medici, curata dalla già citata Maria Grazia Marzi e da Clara Gambaro, in apertura oggi 12 dicembre e visitabile sino al 28 febbraio prossimo, a Casa Buonarroti. Si tratta infatti di un’esposizione divisa in tre sezioni, intesa a ripercorrere e analizzare il nuovo e crescente - a partire dal Settecento - interesse antiquario e collezionistico per la ceramica.

Tre sale, suggestivamente allestite dall’architetto Leonardo Stanta, si dividono il compito esplicativo. Nella prima si apprezza, attraverso l’esposizione di volumi, disegni e documenti la nascita del nuovo interesse settecentesco per la ceramica. Nel secondo capitolo invece l’attenzione si sposta sulle collezioni in ceramica dando maggiore considerazione alla collezione granducale. Il Vaso Medici è il nome dell’ultima sezione, dedicata al celebre vaso marmoreo che lo stesso Filippo Buonarroti ebbe modo di osservare a Villa Medici a Roma.

La mostra può, ma forse deve, essere affiancata dalla visione di una quarta sala, facente parte del museo, che ospita la collezione archeologica di Filippo; ricollegandosi così, per stessa ammissione del Presidente Pina Ragionieri e del Direttore Alessandro Cecchi, alla “politica della nostra Fondazione, volta alla miglior conoscenza della storia della famiglia Buonarroti”. 

Vademecum

Firenze, Museo della Casa Buonarroti
Biglietto d'ingresso € 6.50 intero;
€ 4.50 gruppi e scuole di ogni ordine e grado
Orario di apertura della mostra e del museo 10.00-17.00;
chiuso il martedì su prenotazione
aperture straordinarie fuori orario per gruppi informazioni Casa Buonarroti, via Ghibellina, 70, Firenze
tel +39 055 241 752; fax + 39 055 241 698
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ultima modifica il Sabato, 15 Dicembre 2018 11:41




300x250-banksy-proroga.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio