IMG_4882.JPG

Mercoledì, 13 Febbraio 2019 16:03

Chiasso ricorda Franco Grignani con una grande antologica

Scritto da 

Oltre 300 opere - tra immagini fotografiche, opere pittoriche, logotipi, materiali originali legati alla grafica e alla comunicazione pubblicitaria, oggetti di design - ripercorrono la poliedrica esperienza creativa dell’artista a vent’anni dalla sua scomparsa

Franco Grignani, Artrosil, 1955, stampa offset, 24.5 x 32.2 cm, Archivio Manuela Grignani Sirtoli, © Matteo Zarbo Franco Grignani, Artrosil, 1955, stampa offset, 24.5 x 32.2 cm, Archivio Manuela Grignani Sirtoli, © Matteo Zarbo

CHIASSO - “Ciò che mi fa paura è l’ovvio, la banalità, il già fatto, il non senso”. Una frase questa di Franco Grignani che sintetizza la sua parabola creativa, fatta di continua ricerca e sperimentazione. Una figura poliedrica quella di Grignani che si è mossa sul sottile confine che lega arte, design e grafica. L'artista è stato tra i più profondi innovatori del Novecento, assoluto precursore dell’arte ottico-visiva, nonché grafico tra i più apprezzati del secondo Novecento, cui si deve la creazione del marchio della Pura Lana Vergine.

La mostra, ospitata al m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera), dal 17 febbraio al 15 settembre 2019, intende dunque offrire l’occasione di conoscere in maniera approfondita questo grande artista, attraverso ben 300 opere.

La rassegna, dal titolo "Franco Grignani. Polisensorialità fra arte, grafica e fotografia”, a cura di Mario Piazza, docente alla Scuola di Design del Politecnico di Milano e Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo, abbraccia tutti i settori esplorati da Grignani nel corso della sua carriera.

Nato nel 1908 a Pieve Porto Morone, in provincia di Pavia, Grignani si avvicina presto all’ambito artistico. Già alla fine degli anni venti inizia a dedicarsi alla sperimentazione innovativa, anche grazie all’uso della macchina fotografica.
Nel periodo immediatamente post-bellico, Grignani a fianco della sua passione per la fotografia si dedica a quella di graphic designer. Negli anni’50 inizia una lunghissima collaborazione con Alfieri & Lacroix, diventa art director della rivista “Bellezza d’Italia”, house organ della Dompé Farmaceutici di cui sarà anche autore della comunicazione. È selezionatore, impaginatore e autore delle copertine di "Pubblicità in Italia".

Nel periodo del boom economico italiano, Grignani lavora come grafico per la grande committenza, per clienti quali Pirelli, Arnoldo Mondadori Editore, Fiat, Ermenegildo Zegna, disegna marchi (tra cui Camiceria Cinquini di Bergamo, Chemi, Galleria Peccolo di Livorno, Montesud, Solo Seta Sempre Seta, Aerhotel, Breda Nardi, Ceramiche Falcinelli, Centro Cultura Giancarlo Puecher, Galleria S.Fedele) e cura campagne pubblicitarie. Anche in questo ambito, Grignani si dimostra un grande innovatore: alle immagini oggetto degli annunci pubblicitari era solito aggiungere degli scritti, a metà tra la poesia e il racconto.

Con l’inizio degli anni ’70, Grignani si specializza nella corporate image, ma dalla metà del decennio si dedica quasi esclusivamente all’attività artistica. Di questa fase del suo percorso creativo, il m.a.x. museo presenta una ventina di tele a grandi dimensioni, dai vetri industriali alle Diacroniche, dalle Dissociazioni alle Periodiche, oltre ad alcuni esempi di Psicoplastiche, a metà tra pittura e scultura.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo edito da Skira con saggi di Roberta Valtorta, Mario Piazza, Giovanni Anceschi, Bruno Monguzzi e Nicoletta Ossanna Cavadini.

Vademecum

FRANCO GRIGNANI (1908-1999)
Polisensorialità fra arte, grafica e fotografia
a cura di Mario Piazza e Nicoletta Ossanna Cavadini
Chiasso (Svizzera), m.a.x. museo (Via Dante Alighieri 6)
17 febbraio – 15 settembre 2019
Orari
martedì – domenica, ore 10.00 – 12.00 e 14.00 – 18.00
Aperture speciali
martedì 19.03 San Giuseppe
domenica 21.04 Pasqua
lunedì 22.04 Pasquetta
giovedì 30.05 Ascensione
lunedì 10.06 Lunedì di Pentecoste
giovedì 20.06 Corpus Domini
sabato 29.06 SS. Pietro e Paolo
Chiusure
martedì 05.03 Martedì Grasso
venerdì 19.04 Venerdì Santo
sabato 20.04 Sabato Santo
mercoledì 01.05 Festa del Lavoro
Chiusura estiva m.a.x. museo
lunedì 29.07 – lunedì 19.08 compresi
Ingresso
Intero: CHF/Euro 10.-
Ridotto: CHF/Euro 7.- (AVS/AI, over 65 anni, studenti, FAI SWISS, FAI, TCS, TCI, convenzionati) Scolaresche e gruppi di minimo 15 persone: CHF/Euro 5.-
Metà prezzo:   Chiasso Card Gratuito: bambini fino a 7 anni, Aiap, associazione amici del m.a.x. museo, giornalisti, ICOM, Passaporto Musei Svizzeri, Visarte
Entrata gratuita: ogni prima domenica del mese
Parcheggio gratuito
presso il Centro Ovale di Chiasso (livello -1), 4 minuti a piedi dal m.a.x. museo, su presentazione del ticket del parcheggio al m.a.x. museo.
Informazioni generali
m.a.x. museo
Via Dante Alighieri 6, CH – 6830 Chiasso
T. +41 58 122 42 52
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; www.centroculturalechiasso.ch

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2019 16:30



IMG_4884.JPG

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio