IMG_4882.JPG

Lunedì, 25 Febbraio 2019 10:12

Venezia. Canaletto e il Settecento veneziano a Palazzo Ducale

Scritto da 

Fino al 9 giugno 2019 una mostra racconta un secolo di straordinaria vitalità e cambiamenti attraverso l’arte del suo maggior protagonista Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto, ma accendendo anche i riflettori su altri illustri rappresentanti della scena artistica settecentesca

Canaletto, Il ritorno del Bucintoro al molo davanti al Palazzo Ducale, 1727-1729, Olio su tela - Mosca, Museo Puškin Canaletto, Il ritorno del Bucintoro al molo davanti al Palazzo Ducale, 1727-1729, Olio su tela - Mosca, Museo Puškin

VENEZIA -Canaletto e Venezia”, la mostra a cura di Alberto Craievich con la direzione scientifica di Gabriella Belli, ospitata a Palazzo Ducale di Venezia, racconta il Settecento veneziano, una stagione artistica di grande complessità e valore, che vede fiorire eccellenze nel campo della pittura, della scultura, delle arti decorative. 

L’esposizione prende le mosse dall’affacciarsi, nei primi anni del ‘700, di una nuova forma artistica che rompe i legami con il rigore del Classicismo e con l'artificiosità del Barocco, prediligendo il colore rispetto al disegno. 

Il Settecento si configura dunque come un secolo di grande vitalità e cambiamenti. Nell’arte la luce e il colore diventano gli elementi fondamentali del rinnovamento del linguaggio pittorico, utilizzati dai vari artisti secondo uno stile del tutto personale e originale.  Così Luca Carlevarijs getta le basi del vedutismo veneziano, mentre Rosalba Carrera rinnova l’arte del ritratto.  Giambattista Tiepolo e Canaletto dipingono opere in cui la luce acquista valenza fondante e costitutiva. Il loro stile risulta del tutto innovativo e con la maturità diviene sempre più equilibrato e nitido. 

Il viaggio prosegue con la pittura di costume di Pietro Longhi e con la grande stagione dell’incisione di cui Giambattista Piranesi è un virtuoso Maestro. Francesco Guardi e Giandomenico Tiepolo, figlio di Giambattista, sono invece protagonisti di fine secolo. In particolare Guardi con il suo linguaggio pittorico, tremolante e allusivo, lontano dalle solari certezze di Canaletto, sembra evocare una Venezia in disfacimento. 

Il percorso espositivo si chiude con l’affermarsi del Neoclassicismo, la cui poetica trova in Antonio Canova la massima espressione. 

Vademecum

Canaletto a Venezia
Fino al 9 Giugno 2019
Venezia, Palazzo Ducale - San Marco 1
Orari : 8.30 - 17.30 | Dal 1° aprile 8.30 -19 | La biglietteria chiude un'ora prima
Biglietti: Un unico biglietto valido per: Palazzo Ducale e per il percorso integrato del Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale, Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana: Intero 20 € | Ridotto 13 € | Gratuito secondo normativa vigente
Info: +39 041 2715911
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.http://palazzoducale.visitmuve.it

 

Ultima modifica il Lunedì, 25 Febbraio 2019 10:48



IMG_4884.JPG

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio