160x142 2.jpg

Giovedì, 28 Marzo 2019 09:26

Leonardo da Vinci e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico

Scritto da 

Nel cinquecentenario della morte del genio del Rinascimento, la Biblioteca Ambrosiana di Milano presterà per la prima volta 12 carte autografe che appartengono al leggendario Codice 

FIRENZE - Dal 29 marzo al 24 giugno 2019, la  Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio ospita la mostra “Leonardo da Vinci e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico”. In esposizione 12 carte autografe di Leonardo  che appartengono al leggendario Codice Atlantico, eccezionalmente prestate dalla Biblioteca Ambrosiana di Milano

L’esposizione, a cura della storica dell'arte Cristina Acidini, presidente dell'Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, si propone di ritrovare nei fogli del Codice Atlantico i tanti richiami al luogo d'origine di Leonardo, mai veramente lasciato e comunque mai dimenticato.

Spiega Acidini: "Non solo Leonardo a Firenze, ma anche Firenze con Leonardo, sempre presente nella sua mente, ovunque egli si trovasse,  sia nella rete di protezioni, conoscenze e amicizie che lo ha accompagnato per tutta la vita, sia nella corrispondenza che ha continuato sempre a tenere, sia nel bagaglio che si portato appresso sino alla fine, di esperienze e ricordi". 

I dodici fogli scelti, che non sono naturalmente gli unici in cui si trovano richiami a Firenze, sono "come fili d'Arianna al contrario, che indirizzano il visitatore nei profondi meandri del Labirinto, anziché indicarne l’uscita. E come Labirinto si devono considerare i tantissimi aspetti del rapporto sfaccettato e molto spesso contraddittorio tra Leonardo e la città, nel cui dominio nacque e nella quale trascorse gli anni fondamentali della sua formazione”

A fare da contraltare a queste straordinarie opere su carta, un solo dipinto in mostra.  Si tratta di un quadro attribuito a Gian Giacomo Caprotti, detto Salaino, che raffigura il Busto del Redentore, proveniente dalla Pinacoteca Ambrosiana. Il dipinto è connesso, per vie ancora misteriose ma inequivocabili, al Salaino, del quale reca la firma, o il soprannome, Salai, uno degli assistenti più cari a Leonardo. 

 

Ultima modifica il Giovedì, 28 Marzo 2019 09:32


300x250 2.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio