WEB-160x142.gif

Venerdì, 28 Giugno 2019 20:28

A Palazzo Merulana gli anni della maturità di Picasso. Foto

Scritto da 

Un inedito racconto fotografico dell’artista e dell’uomo attraverso gli scatti di Edward Quinn e Andrè Villers,  a cura di J. Abelló Juanpere, J. Fèlix Bentz e M. Ancora

ANDRÉ VILLERS PICASSO DURANTE LE RIPRESE DEL FILM LE MYSTERE PICASSO STUDIO DE “LA VISTORINE”, NIZZA 1955 ANDRÉ VILLERS PICASSO DURANTE LE RIPRESE DEL FILM LE MYSTERE PICASSO STUDIO DE “LA VISTORINE”, NIZZA 1955

ROMA - Divisivo, anticonformista, poliedrico, prolifico, geniale, innovatore, Pablo Picasso (Malaga 1881 - Mougins 1973) è stato l’uomo che, più di tutti, ha segnato a livello artistico un’epoca. Dopo di lui è cambiato definitivamente il modo di concepire e pensare l’arte e si è entrati nella dimensione contemporanea. Eppure, sebbene ormai si conosce quasi tutto sul suo percorso creativo e la sua biografia, pochi si soffermano sul lato più intimo e umano del grande artista spagnolo.

In tal senso, si inserisce il progetto espositivo a cura di J. Abelló Juanpere, J. Fèlix Bentz e M. Ancora dal titolo Picasso e le fotografia. Gli anni della maturità. Fotografie di Edward Quinn e Andrè Villers. 1951-1973” presso Palazzo Merulana a Roma dove è possibile seguire uno straordinario e inedito racconto fotografico dell’artista e dell’uomo Picasso.

Si tratta di oltre 90 fotografie di proprietà del fondo del collezionista lussemburghese Guy Ludovissy, gestito dal Reial Cercle Artistic de Barcelona, in cui i fotografi Edward Quinn e Andrè Villers sono riusciti a restituire un’immagine diversa e assolutamente inaspettata della vita del Maestro, mettendo in luce non solo la sua indiscussa personalità e creatività, ma anche i momenti più delicati, intimi con la famiglia e le persone a lui più care. 

Se è vero il vecchio adagio che recita: “occorre una vita per conoscere una vita”, è altrettanto vero che la fotografia stessa può essere intimità disvelata e farci afferrare aspetti unici del vissuto come frammenti in uno specchio. E frammenti di squisita fattura e densità sono le fotografie che hanno saputo cogliere gli istanti più singolari e profondi di Pablo Picasso, cogliendo la sua propensione a non prendersi mai sul serio e la sua spinta verso la dinamica del travestimento, lo scherzo, la caricatura, la parodia, l’auto-ironia. Sono testimonianze che, anche grazie alla confidenza e all’amicizia che si instaurò tra i due fotografi e l’artista, permettono allo spettatore di conoscere l’uomo dietro la maschera. Un uomo con le sue debolezze e le sue indiscusse qualità espressive, le sue ossessioni e le sue passioni, la sua normalità e la sua creatività. Divisa in sei sezioni, la mostra ci restituisce l’espressività e l’umanità di Pablo Picasso, tramite lo sguardo, l’attenzione, la cura e la narrazione dell’atto fotografico.

Vademecum

Picasso e le fotografia. Gli anni della maturità. Fotografie di Edward Quinn e Andrè Villers. 1951-1973
Palazzo Merulana Via Merulana, 121 - Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; www.palazzomerulana.it

 

Ultima modifica il Venerdì, 28 Giugno 2019 21:57


WEB-250x300.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio