160x142-haring-proroga.gif

Lunedì, 25 Gennaio 2016 09:20

Buon compleanno David Douglas Duncan

Scritto da 

Festeggia il suo centenario il fotoreporter che immortalò Picasso nella vasca da bagno

Cent’anni sono un lungo tragitto alle volte difficile, altre invece intenso, in cui spesso l’impresa ardua, una volta arrivati a tre cifre, è  riuscire ad aver memoria delle esperienze di tutta una vita. Forse è così per molti, ma non per chi ha passato l’intera esistenza e continua tuttora, a guardare il mondo attraverso l’obiettivo, come David Douglas Duncan, uno dei migliori fotoreporter in circolazione, che ha festeggiato, ieri 23 Gennaio, il suo centenario.

Fotografo per caso e per passione, affina la composizione e la sua tecnica nell’esercito, abbandonando gli studi in archeologia presso l’università dell’Arizona. Dall’appellativo di fotografo leggendario, acquisito durante le numerosi collaborazioni presso le maggiori riviste d’informazione come il National Geographic Magazine, Life, il Saturday Evening Post, e molte altre, diventa uno dei fotografi più importanti sulla scena mondiale. Varie, sono anche le pubblicazioni che raccolgono un vastità di scatti, ricordiamo, ad esempio, This is War del 1951, che racconta le drammatiche vicende della guerra in Corea, oppure I Protest del 1968, sulle manifestazioni avvenute contro la guerra in Vietnam.

Tra i suoi amici, compagni di viaggio, di avventure e di scatti, ricordiamo il fotoreporter Robert Capa, ed il pittore Pablo Picasso con il quale instaurò, nel corso degli anni, un forte inaspettato e duraturo legame, che renderà il pittore immortale, non solo attraverso una vera e solida amicizia, ma anche attraverso un vero e proprio reportage fotografico di incredibile valore, reso noto, con le pubblicazioni: The Private World of Pablo Picasso del 1958 e Picasso’s Picassos del 1961, che vanno ad aggiungersi al grande repertorio costruito intorno al pittore catalano.

La quotidianità e la spontaneità che usava il suo amico per impressionarlo su pellicola, spinse il genio spagnolo, a renderlo il suo fotografo personale. Sarà proprio Duncan, in seguito, a descrivere in un intervista, il suo primo incontro con il pittore: “Fu nel 1957. Mi recai a La Californie, l’enorme casa-laboratorio di Picasso vicino a Cannes. Mi presentai dicendo che ero amico di Capa e che desideravo salutare il maestro. Venni ricevuto dalla moglie Jaqueline Roque, tutta vestita di nero, dalla testa ai piedi. Rimasi sorpreso per quanto fosse piccola. Mi prese per mano e mi condusse al piano di sopra, dove c’era lui, nudo dentro la vasca da bagno. Gli chiesi il permesso di fotografarlo e lui acconsentì. Quella fu la prima volta”. E’ in questo racconto magico, di un epoca affascinante e  di un immaginario forse, alquanto imbarazzante che auguriamo a David Duncan altri cento di questi giorni ed un arrivederci al prossimo scatto.

Ultima modifica il Lunedì, 25 Gennaio 2016 09:29




300x250-banksy-proroga.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio