BANNER_WEB_160X142.jpg

Martedì, 16 Agosto 2016 09:32

Roma. A Palazzo Cipolla fino al 4 settembre la mostra di Banksy. Da non perdere

Scritto da 

Banksy: “Mi piace pensare di avere il coraggio di far sentire la mia voce in forma anonima in una democrazia occidentale ed esigere quelle cose in cui nessun altro crede come la pace, la giustizia e la libertà”

ROMA – Il vero nome e l’identità di Banksy, genio dei graffiti, non sono conosciuti. L’artista resta avvolto dal mistero, anche se secondo studi del Mail on Sunday e degli scienziati dell’università Queen Mary di Londra, sarebbe il 42enne inglese bianco, figlio della classe media, educato in una scuola privata di Bristol, città nella quale è certo sia cresciuto. Ciò malgrado sulla sua natura continuano confronti e dibattiti, è stato supposto si tratti di una donna o di un collettivo di sette artisti riuniti sotto lo stesso nome.
Sul muro di 730 chilometri che separa la Cisgiordania e lo stato di Israele – contrario al diritto internazionale come sancito dall’assemblea generale dell’Aia - vi sono nove dipinti di Banksy, i cui soggetti sono bambini che tentano di aggirarlo in volo aggrappati a palloncini, forarlo con paletta e secchiello, scrutare i paradisi di là dal muro attraverso squarci resi magistralmente con la tecnica del trompe l’oeil. L’ultimo suo murales, sulla parete dell’ambasciata francese a Londra, risale al gennaio del 2016 e critica l’uso di lacrimogeni in un campo di rifugiati a Calais. La curiosità ad alta tensione su Banksy continua a crescere perché il writer, inafferrabile primula rossa, eludendo ogni sorveglianza ha regalato, a Bristol e Londra, murales di una tale meraviglia da destare l’attenzione di collezionisti, gallerie e musei di tutto il mondo, pronti a pagare molto per aggiudicarsi una sua opera.
Ciò detto, chi non ha ancora visto a Roma le 150 opere di Banksy in mostra a Palazzo Cipolla, non perda la possibilità di farlo perché si tratta di un evento raro, che chiude il 4 settembre. L’esposizione - a cura di Stefano Antonelli e Francesca Mezzano, fondatori di 999Contemporary, e di Acoris Andipa, dell’Andipa Gallery di Londra – ha per titolo “Guerra, capitalismo & libertà”. Esposti dipinti originali, stampe, sculture e oggetti rari, mai resi pubblici in precedenza: collezione, ampia e senza precedenti, grazie a contributi di ogni dove.

La rassegna mette in luce il messaggio artistico di Banksy di fronte agli avvenimenti sociali e politici internazionali, dalla serigrafia di alcune scimmie che dichiarano ‘Laugh Now But One Day I’ll Be in Charge’ (Ridete adesso ma un giorno saremo noi a comandare), fino all’immagine di ‘Kids on Guns’ (Bambini sui Fucili) dove due piccoli con i loro orsacchiotti si parlano sopra una montagna nera di fucili; all’agghiacciante ritratto di Kim Phuc, la bambina della foto simbolo della guerra del Vietnam, tenuta per le braccia da Topolino e da un clown.

Nei suoi quadri la critica al capitalismo è assolutamente sarcastica: Morons, ad esempio, è la scena di un’asta in cui dei cretini comprano un’opera che denuncia la loro stupidità. Il consumismo è protagonista dei suoi strali ironici: da una parte l’artista rappresenta la caccia al carrello della spesa, dall’altra omaggia Kate Moss quale novella Marilyn e sembra rifare il verso ad Andy Warhol, altro più ambiguo critico dell’etica ed estetica del consumo. Alla fine dell’esposizione sul muro è riportato un concetto di Banksy: “Mi piace pensare di avere il coraggio di far sentire la mia voce in forma anonima in una democrazia occidentale ed esigere quelle cose in cui nessun altro crede – come la pace e la giustizia e la libertà”.

 

Vademecum

Banksy in mostra a Roma a Palazzo Cipolla
Via del Corso 320
Fino al 4 settembre 2016
Ad Agosto dal martedì alla domenica ore 16.00 - 21.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
lunedì chiuso
Biglietti:
Intero: 12,00€
Ridotto: 8,00€ (valido per giovani fino a 26 anni, adulti oltre i 65 anni, forze dell’ordine e militari con tessera, studenti universitari con libretto, giornalisti con tessera, titolari di apposite convenzioni. Sconti per gruppi, scuole e famiglie).



 

Ultima modifica il Martedì, 16 Agosto 2016 09:40

300x240.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio