160x142-picasso.gif

Martedì, 13 Dicembre 2016 10:28

Alessandria. Avvio dei restauri della Cappella di Sant'Eusebio al Sacro Monte di Crea

Scritto da 

Gli interventi del costo  stimato in 93.000 euro cominceranno la prossima primavera e grazie al sostegno della Fondazione Crt, che contribuirà con un finanziamento di 32mila euro, saranno restaurati il tetto e gli intonaci esterni della Cappella

Sacro Monte di Crea Sacro Monte di Crea

ALESSANDRIA - A dare l’annuncio dell'inizio dei lavori, che inizieranno la primavera del 2017, è stata la presidente dell’Ente di gestione Sacri Monti, Renata Lodari, la quale ha precisato: “L’assegnazione è avvenuta nell’ambito delle attività 'Arte e cultura' della Fondazione e più specificamente all’interno del 'Progetto Restauri - cantieri diffusi' con il quale Fondazione Crt sostiene il restauro ed il recupero di beni sottoposti a tutela, di comprovato pregio e valore artistico, presenti sul territorio del Piemonte e della Valle d'Aosta. Tra i criteri fissati dal bando, vi erano la rilevanza storico artistica e architettonica dell’intervento e la rilevanza dell’intervento per il territorio di riferimento. Inoltre il bando valutava le azioni intraprese per "garantire la miglior fruibilità del bene oggetto di intervento e capacità del progetto di richiamare l’attenzione della comunità locale e di attrarre nuovi fruitori". 

Il restauro della Cappella - ha sottolineato il Direttore Elena De Filippis - è stato individuato dall'Ente di gestione sacri Monti come 'indifferibile. De Filippis ha quindi aggiunto: “Grazie al finanziamento di Fondazione Crt saranno restaurati il tetto e gli intonaci esterni della Cappella, salvaguardando così dalle infiltrazioni d’acqua anche il contenuto interno. Il costo di questi interventi è superiore rispetto al contributo ottenuto. Alla parte eccedente si provvederà attingendo ai finanziamenti regionali". 

La Cappella ha un altissimo valore simbolico, essendo dedicata appunto a San’Eusebio, vescovo di Vercelli e patrono del Piemonte. Eusebio storicamente risulta essere il primo vescovo del Piemonte. La tradizione vuole che sia stato Sant'Eusebio a salire la collina di Crea verso il 350 d.C.; lì avrebbe portato la statua lignea della Madonna col Bambino, ancor oggi venerata, e lì avrebbe fatto edificare un primo oratorio. A Sant’Eusebio si fanno risalire tre immagini sacre della Madonna nera oggetto di particolare venerazione, che sarebbero state da lui nascoste e trasportate dalla Palestina e che sono conservate nella Basilica Antica di Oropa (Biella), nel Duomo di Cagliari (città che gli ha dato i natali) e, appunto, nel Santuario di Crea. Eusebio diffuse il Cristianesimo e la devozione mariana tra le popolazioni del Monferrato e delle valli Piemontesi che all'epoca erano ancora completamente pagane.

Ad Eusebio, martire per la su fede, è dedicata la prima delle 23 cappelle del Sacro Monte di Crea. Al santo è attribuita anche  l’origine della fonte, antistante la cappella. Questa fu fra le prime costruite, dopo quella dedicata all Nascita di Maria, voluta dal duca del Monferrato Vincenzo Gonzaga e fu finanziata dalla città di Vercelli, rappresentata nei dipinti murali della parete di fondo con le sue case, torri e la chiesa di Sant'Andrea. Al centro ospita un gruppo scultoreo rappresentante il martirio di sant'Eusebio, lapidato dagli ariani. Gli abiti e i personaggi dei dipinti alludono alla realtà vercellese del '500. Gli affreschi vennero realizzati da Giorgio Alberini, mentre le sculture sono opera dei fratelli Jean e Nicolas de Wespin (detti i Tabacchetti), artisti di provenienza fiamminga. 

Ultima modifica il Martedì, 30 Ottobre 2018 13:39



250x300Haring.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio