WEB-160x142.gif

Lunedì, 09 Gennaio 2017 17:09

Partono in primavera i lavori di restauro della Colonna di Santa Felicita a Firenze

Scritto da 

Il monumento, dedicato alle imprese di San Pietro Martire contro gli eretici catari, è databile al 1380 circa, è realizzato in granito con capitello corinzio ed è collocato nel luogo dove si svolse uno degli scontri più duri tra eretici e cattolici

Colonna di Santa Felicita tra Ponte Vecchio e Palazzo Pitti Colonna di Santa Felicita tra Ponte Vecchio e Palazzo Pitti

FIRENZE - Cominceranno a primavera e dureranno tre mesi i lavori di restauro della Colonna di Santa Felicita, collocata nell'omonima piazza tra Ponte Vecchio e piazza Pitti. Gli interventi, del costo di circa 25 mila euro, saranno finanziati interamente dal ricavato dell’ultima edizione della Celebrity Fight Night organizzata anche a Palazzo Vecchio.  Il monumento, dedicato alle imprese di San Pietro Martire (fra' Pietro da Verona) contro gli eretici catari, è databile al 1380 circa, è realizzato in granito con capitello corinzio ed è collocato nel luogo dove si svolse uno degli scontri più duri tra le due fazioni, che fu decisivo e vincente per i cattolici (1244). 

Inizialmente la colonna venne eretta con alla sommità una croce a due palme incrociate, simbolo del martirio. Poi sul capitello nel 1484 venne invece sistemata una statua in terracotta invetriata, in stile robbiano, raffigurante appunto il frate domenicano Pietro da Verona che era stato inviato a Firenze dal papa per sconfiggere l'eresia catara che in quegli anni stava infiammando gli animi di molti fiorentini.

La statua si frantumò nel 1723, per una caduta causata agli agenti atmosferici e fu sostituita da un'opera in marmo di Antonio Mormorai, sottratta però verso la metà dell'Ottocento. La colonna venne invece distrutta nell'agosto 1944 dai tedeschi in ritirata e solo in seguito fu ricostruita e ricollocata nel sito originario. Nel 2014, per un maggior decoro della zona è stat rimossa anche la ringhiera in ferro che era stata posizionata come protezione del monumento ma negli anni era stata di fatto usata come “parcheggio” di biciclette.

I lavori di restauro prevederanno una pulitura generalizzata, la verifica di crepe ed eventuali fessurazioni, e il controllo della stabilità delle cerchiature di metallo messe negli anni Sessanta per rendere più solido il monumento.

Ultima modifica il Lunedì, 09 Gennaio 2017 17:14


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio