WEB-160x142.gif

Lunedì, 17 Settembre 2018 10:16

Restaurata la Tomba degli Scudi a Tarquinia

Scritto da 

Un capolavoro, tra i più rappresentativi dell’arte etrusca, un gioiello del  IV secolo a.C., rinasce dopo un intervento cominciato nell'estate 2016 e realizzato da Maria Cristina Tomassetti e Chiara Arrighi sotto la supervisione della Soprintendenza

Tarquinia, Tomba degli Scudi Tarquinia, Tomba degli Scudi

ROMA - Rinasce dopo un restauro durato oltre due anni e reso possibile grazie al contributo de "I Luoghi del Cuore" promosso dal FAI, la Tomba degli Scudi, un vero e proprio capolavoro del IV secolo a.C., nella Necropoli etrusca dei Monterozzi a Tarquinia (VT), sito nominato nel 2004 Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'Unesco insieme alla necropoli di Cerveteri. L’intervento di restauro, cominciato nell'estate 2016 e realizzato con la modalità del  “cantiere aperto”, e quindi con alcune visite guidate straordinarie  per raccontare le fasi del recupero e le tecniche utilizzate, è stato condotto da Maria Cristina Tomassetti e Chiara Arrighi sotto la supervisione della Soprintendenza. 

Il restauro ha permesso di salvare l'apparato pittorico ancora esistente della camera centrale della tomba e di riportare alla luce figure, iscrizioni e dettagli mai visti prima. Dopo la camera centrale rimangono da fare altri lavori sul soffitto, sulla camera di fondo, decorata con gli scudi da cui la tomba prende il nome, e sui due piccoli ambienti laterali, privi di decorazioni.

L'auspicio è che questo intervento, reso possibile grazie alla collaborazione virtuosa tra pubblico e privato, possa rappresentare uno stimolo e un traino per il reperimento di altri fondi, anche tramite il portale Art Bonus.

La Tomba degli Scudi, che celebra le virtù e il rango dei Velcha, raffigura il momento della partenza del defunto verso l'oltretomba e il banchetto funebre cui partecipano idealmente tutti i membri della famiglia. Il suo recupero è stato votato da 5.681 persone in occasione della settima edizione de “I Luoghi del Cuore” il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare promosso dal FAI - Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Grazie ai voti ricevuti, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l'Etruria Meridionale ha potuto partecipare al bando per la selezione degli interventi che la Fondazione promuove dopo ogni edizione del censimento e ricevere un contributo di 24.500 euro per il restauro della camera centrale, bisognosa di cure. 

La collaborazione tra FAI e Soprintendenza continuerà al fine di permettere periodicamente la fruizione pubblica di questo luogo eccezionale (le prossime aperture - a cura della Delegazione FAI di Viterbo - sono in programma per domenica 30 settembre e sabato 27 ottobre), situato al di fuori del perimetro di visita della Necropoli dei Monterozzi. 

Il Comune di Tarquinia ha anche stanziato un contributo destinato a una pubblicazione sulla Tomba degli Scudi e sui restauri, attualmente in fase di preparazione.

Ultima modifica il Lunedì, 17 Settembre 2018 11:01


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio