WEB-160x142.gif

Lunedì, 13 Maggio 2019 18:03

Firenze. Restauro urgente per Giotto alla Cappella Bardi nella Basilica di San Francesco

Scritto da 

Dopo un'approfondita indagine,da parte dell’Opificio delle pIetre Dure, sul capolavoro “Storie di San  Francesco”, parte il restauro per salvare quello che può considerarsi uno tra i dipinti più famosi del terzo decennio del Trecento

Le esequie di San Francesco, Cappella Bardi, Basilica di Santa Croce, Firenze Le esequie di San Francesco, Cappella Bardi, Basilica di Santa Croce, Firenze

FIRENZE - Al via il restauro delle  “Storie di San  Francesco”, il capolavoro di Giotto realizzato nella Cappella Bardi, all’interno della Basilica di San Francesco a Firenze. 

Si tratta di un restauro urgente poiché risultano a rischio l'intonaco e la pittura  dell’affresco.  L'intervento durerà circa tre anni ed è affidato all’Opificio delle Pietre Dure. L'impegno economico complessivo è di circa un milione di euro e vede  il concorso della stessa Opera di Santa Croce e del Ministero per i  Beni e le Attività Culturali; Arpai e Fondazione Cr Firenze  interverranno attraverso l'Art Bonus. 

Marco Ciatti, soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure, annunciando i lavori con Irene Sanesi,  presidente dell'Opera di Santa Croce, ha spiegato che il restauro costituisce anche “un'occasione irripetibile per conoscere i  segreti dell'artista e delle sue scelte riguardanti le tecniche della  pittura murale”. 

"Il progetto di restauro rappresenta per  l'Opera di Santa Croce un evento unico - ha evidenziato Sanesi - L’Opificio delle Pietre Dure si appresta adesso ad avviare il cantiere che si prospetta complesso e non breve. Proprio per questo con  l'Opificio, perché i visitatori e i fiorentini possano continuare a  godere degli affreschi, grazie a tecnologie particolari, stiamo  programmando i lavori perché siano accessibili dal vivo nel corso del  restauro".      

L'intervento prevede due fasi: una campagna diagnostica, non invasiva  con le tecniche di indagine più all'avanguardia e poi il restauro conservativo vero e proprio. 

Lo straordinario affresco è stato a lungo “cancellato”, rimanendo nascosto per oltre un secolo. Nel 1730 venne  coperto di vernice a calce, con la tecnica della scialbatura.  Dopo essere stata amata e ammirata per tutto il  Rinascimento, infatti la pittura di Giotto finisce per essere considerata fuori moda. Solo successivamente viene ne riscoperta la modernità e la forza comunicativa.  Il rinvenimento delle pitture nella Cappella  Bardi avviene in modo del tutto fortuito mentre stanno per essere avviati  importanti lavori di risistemazione complessiva. La scopritura viene eseguita da Gaetano Bianchi fra il 1850 e il 1853.  In occasione della mostra giottesca del 1937 i  cicli murali delle Cappelle Bardi e Peruzzi sono stati oggetto di un  intervento diretto da Ugo Procacci ed eseguito dalla bottega di Amedeo Benini. A seguire, tra il 1958 e il 1961, decisivo è stato il restauro portato a termine da Leonetto Tintori, sempre sotto la direzione di  Ugo Procacci.

Ultima modifica il Lunedì, 13 Maggio 2019 18:13


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio