WEB-160x142.gif

Venerdì, 28 Giugno 2019 10:25

Urbino, restaurato il monumento dedicato a Raffaello

Scritto da 

L’intervento di restauro è stato reso possibile  dai soci di Coop Alleanza 3.0, in vista delle  celebrazioni in onore del quinto centenario della morte del grande  pittore che si terranno nel corso del 2020

URBINO - E’ stato presentato nella casa natale di Raffaello Sanzio, ad Urbino, il restauro del monumento a lui dedicato. Ad illustrarlo ilprofessor Luigi Bravi, presidente dell'Accademia di Raffaello, il sindaco Maurizio Gambini e il restauratore Michele Papi.  L’opera, restituita alla sua bellezza, è stata poi svelata nei giardini pubblici di piazzale Roma.   Il monumento  era originariamente collocato in Piazza Duca Federico e  successivamente, nel 1947, fu trasferito in Piazzale Roma, detto anche  ''Pian del Monte'', dove si trova ancora oggi.   

L’opera 

L’opera, realizzata  dallo  scultore torinese Luigi Belli fra il 1894 e il 1897, in seguito ad una pubblica sottoscrizione promossa dall'Accademia Raffaello, è una statua bronzea  che rappresenta il famoso pittore con la tavolozza ed i  pennelli in mano.

La scultura è collocata su un alto basamento  decorato con bassorilievi, alla base del piedistallo sono poste figure allegoriche di putti e statue bronzee che simboleggiano il Genio e la  Rinascenza, oltre ai medaglioni con i ritratti di Bramante, PeruginoGiulio Romano, Viti, Giovanni da Udine, Perin del Vaga, Marcantonio  Raimondi. Nel fregio del piedistallo sono inoltre raffigurati gli  stemmi di Urbino, Venezia, Firenze, Siena e Roma.    

Sul fronte del basamento è rievocato il ritratto realizzato da  Raffaello per Papa Leone X con i nipoti, cardinali Giulio de' Medici e Luigi de' Rossi, conservato oggi alla Galleria degli Uffizi di  Firenze. Il retro del basamento raffigura invece Raffaello mentre  sorveglia i lavori delle Logge Vaticane.   

Il restauro 

L’intervento, realizzato da Michele Papi, è consistito nella pulitura con biocidi delle  patine biologiche depositate nel tempo per tutte le parti costituenti  l'opera: metalliche e lapidee. Successivamente si è provveduto a  consolidare le parti ammalorate con la ricostruzione degli elementi  mancanti in marmo rosso di Verona ed incollaggi con resine, a pulire  con impacchi di polpa di carta, a lucidare con spazzole morbide a  micromotore e ad applicare il protettivo. 

Ultima modifica il Venerdì, 28 Giugno 2019 11:02


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio