WEB-160x142.gif

Lunedì, 22 Luglio 2019 17:01

Milano. Terminato il restauro della Chiesa ipogea di San Sepolcro. Foto

Scritto da 

I lavori, durati 13 mesi, sono stati condotti dalla Soprintendenza di Milano, con il finanziamento di 1 milione di euro del Mibac, con stazione appaltante il Segretariato regionale della Lombardia e in collaborazione con la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano

San Sepolcro - Foto © Maurizio Montagna San Sepolcro - Foto © Maurizio Montagna

MILANO -  Sono terminati i lavori di restauro degli ambienti ipogei della chiesa di San Sepolcro a Milano. Gli interventi, resi possibili grazie al finanziamento di un milione di euro del Mibac, hanno consentito di riportare alla luce il ciclo decorativo a stelle ed elementi vegetali sulle volte del presbiterio, che risale alla fine del Duecento. 

Il MiBAC - spiega la Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Milano - recupera un’altra parte del firmamento artistico di Milano: l’antico cielo stellato della Chiesa ipogea di San Sepolcro è stato liberato dalle tinteggiature soprammesse che lo hanno tenuto nascosto sino ad oggi. Questa grande chiesa ipogea del 1030, eretta sull’antico Foro di Mediolanum, nel vero centro e ombelico della città, è stata restaurata come una preziosa reliquia di cui preservare l’autenticità, l’antichità e la spiritualità.

"Ho voluto essere presente qui oggi - ha detto il ministro per i Beni e le Attività culturali Alberto Bonisoli, che ha presenziato all’inaugurazione insieme al Segretario Generale del Mibac Giovanni Panebianco  - perché il restauro della Chiesa ipogea di San Sepolcro restituisce alla città di Milano e ai milanesi una parte importante del suo patrimonio culturale, che torna finalmente a essere fruibile in tutto il suo splendore. Gli interventi di recupero della cripta sono stati possibili grazie all'importante contributo del ministero di valorizzazione e tutela del patrimonio culturale italiano.  "Ho deciso di sostenere interventi finalizzati alla tutela e alla valorizzazione del nostro patrimonio - ha rimarcato Bonisoli - perché li ritengo prioritari: solo così possiamo contribuire a rendere fruibili nel miglior modo possibile i nostri beni culturali siano esso musei, siti archeologici o di altra natura”.

“Con il restauro della Chiesa ipogea di San Sepolcro  - ha spiegato il Sindaco di Milano Giuseppe Sala - tutti i cittadini potranno conoscere un tesoro senza tempo”. “La chiesa sotterranea più antica di Milano – ha affermato  Stefano Bruno Galli, Assessore all’Autonomia e Cultura della Regione Lombardia - nata all’indomani dell’anno Mille, torna alla luce. Un attento lavoro di restauro ha fatto riemergere autentici tesori d’arte”.  

"Un sentimento è ovvio – ha dichiarato Marco Ballarani, Prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana - quello della gratitudine nei confronti del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali per averci dato la possibilità di restituire questo gioiello dell’arte romanica alla città e a tutti coloro che per tanti motivi “attraverseranno” Milano. La gratitudine si estende, naturalmente, alla Soprintendente Antonella Ranaldi, all’architetto Pedrini e a tutti coloro che hanno collaborato a questa 'risurrezione'.

Il restauro 

Gli interventi,  iniziati nell'aprile del 2018 e ultimati a maggio di quest'anno, hanno permesso di riportare la cripta agli antichi splendori, svelando straordinarie pitture medievali. Rinnovata anche l’impiantistica, studiata per assicurare condizioni ambientali stabili all’interno della cripta, e una nuova  illuminazione. 

Accanto al sacello del Santo Sepolcro, è ricomparsa, sulla volta a sinistra, l’immagine, racchiusa in un tondo, a monocromo rosso, dell’Angelo (forse rappresentazione dell’Arcangelo Michele), che annuncia la Resurrezione, legato ai riti dell’accensione del cero nelle veglie pasquali e nelle processioni che partivano da San Sepolcro per dirigersi in Duomo.

Restaurati anche gli affreschi, quasi del tutto poco visibili per i depositi di sali superficiali dovuti alla presenza di forte umidità e condensa, tra cui le due bellissime e intense crocifissioni (una nella scala a scendere, l’altra trecentesca nel presbiterio), le tre figure in piedi di Maddalena, Giovanni Battista ed Elena, la madre di Costantino (o forse santa Caterina d’Alessandria) e La cena in Casa di Simone nell’ala sinistra del presbiterio, gli affreschi cinquecenteschi della Madonna di Loreto e La Madonna e Santi Rocco e Giovanni Battista nell’atrio e gli stucchi e decorazioni seicentesche dell’abside con raffigurati gli strumenti della passione.

Sono state anche eseguite indagini georadar per esplorare il sottosuolo; è stata analizzata la composizione dei materiali, stucchi, intonaci, elementi fittili e lapidei, i sottofondi in cocciopesto, e rilevata la stratigrafia delle murature.

Prossimamente verrà pubblicato, da Silvana Editoriale, un volume che raccoglie gli studi condotti in occasione del restauro. 

Foto © Maurizio Montagna

Vademecum

CRIPTA DEL SANTO SEPOLCRO
Milano, piazza Santo Sepolcro
Orari
Dal martedì al venerdì dalle 17.00 alle 20.00
Sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00
Lunedì chiuso
Biglietti (a cura di Milano Card)
Solo cripta 10€
Cripta + Mostra The Genius Experience (fino al 31 luglio) 12€ 
Info: tel. 02 92965790
www.criptasansepolcromilano.it

 

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2019 17:18


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio