160x142-banksy-palermo.gif

Mercoledì, 14 Ottobre 2020 11:57

Rai Storia. “Pietre D’Inciampo”, un viaggio nella memoria di sei famiglie vittime della Shoah

Scritto da 

Una serie di 6 episodi da 25 minuti, ideata da Simona Ercolani, scritta e condotta da Annalena Benini. Primo puntata giovedì 15 ottobre alle 20.45 

ROMA - Prende il via giovedì 15 ottobre, su Rai Storia, Pietre D’Inciampo”, la nuova docu-serie storica ideata da Simona Ercolani, prodotta da Stand By Me con la regia di Claudio Pisano, che ripercorre in 6 episodi le drammatiche e toccanti vicende di sei famiglie vittime della Shoah e della persecuzione nazifascista in Italia, a cui sono state dedicate altrettante pietre d’inciampo.

“C’è un antico detto che recita: l’essere umano è l’unico animale che riesce a inciampare per due volte sulla stessa pietra. Fate attenzione, dunque. In Europa, a partire dagli anni Novanta, sono state disseminate 75mila pietre come questa. Su ogni pietra è inciso un nome che racconta una storia, la storia di una vittima del nazifascismo, che non va dimenticata. Per non inciampare di nuovo nello stesso errore”. Così  la giornalista, editorialista e scrittrice, Annalena Benini introduce la prima puntata. 

Nate dall’iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig, le pietre d’inciampo sono “sanpietrini” in ottone che segnano le abitazioni o i luoghi di lavoro di persone che sono state vittime della persecuzione nazifascita: ebrei, oppositori politici, militari, rom e sinti, omosessuali deportati nei campi di sterminio o giustiziati. Ciascuna di queste pietre, più di 1.300 solo in Italia, rappresenta e tramanda ai posteri una storia di discriminazione e crudeltà, di vite distrutte e di famiglie separate: la giornalista, editorialista e scrittrice Annalena Benini conduce il pubblico attraverso l’intimo racconto di sei storie emblematiche, ambientate a Milano, Livorno, Viterbo, Roma e Napoli, attraverso interviste ai famigliari, ricordi di famiglia come lettere e fotografie e ripercorrendo luoghi diventati simbolo della follia nazifascista, come il campo di Fossoli (MO), il binario 21 della Stazione Centrale e il carcere di San Vittore a Milano, le strade del ghetto ebraico di Roma.

Pietre D’Inciampo”, attraverso le testimonianze dei famigliari delle vittime e il contributo di storici, ricostruisce un’Italia ferita dal nazifascismo, divisa e complessa, attanagliata dalla paura e nello stesso tempo ricca di uomini e donne impegnati a combattere contro l’orrore e a offrire riparo e aiuto al prossimo, a costo anche della propria vita.

C’è la storia di Angelo Anticoli, orafo di Roma scampato al rastrellamento del 16 ottobre del 1943 e catturato dalle truppe tedesche qualche mese dopo, mentre si recava a trovare la famiglia nascosta nel Convento delle Suore di Santa Francesca Romana, deportato ad Auschwitz da cui non farà mai ritorno (puntata in onda il 15 ottobre); quella di Frida Misul, una ventenne appassionata di musica lirica che, incarcerata a Fossoli e deportata ad Auschwitz, si salverà solo grazie al suo talento (22 ottobre). Sempre da Fossoli passa anche la storia della Famiglia Di Porto, proprietaria di una piccola merceria a Viterbo: quando le milizie fasciste catturano Angelo e Letizia e i genitori di lei, il loro figlio di 6 anni, Silvano, verrà preso per mano e salvato da una vicina di casa diciassettenne (5 novembre). Non mancano storie di Resistenza, come quella di Spartaco Pula, verniciatore e giovane padre di famiglia che, durante l’occupazione nazista di Roma, si unisce al Gruppo di Azione Partigiana guidato dal fratello ma viene arrestato e trucidato nell’eccidio delle Fosse Ardeatine (19 novembre); quella di Andrea Schivo, guardia del Carcere di San Vittore – dove venivano rinchiuse le famiglie ebree milanesi in attesa della deportazione – che, insieme alla moglie, ogni giorno porta cibo e conforto ai detenuti stremati dagli stenti finché non viene scoperto, condotto al tristemente celebre Binario 21 della Stazione Centrale e deportato a Flossenbürg in Germania, dove morirà pochi mesi dopo (12 novembre). Sul Binario 21 passano anche le sorti delle Famiglie Procaccia, Pacifici e Molco: tre generazioni, nonni figli e nipoti che, dopo aver trovato riparo dai bombardamenti su Napoli in un casale in Toscana, vengono traditi e consegnati alle guardie fasciste che li condurranno fino a Milano e poi da lì ad Auschwitz: una famiglia di 11 persone di cui solo 2 sopravviveranno (29 ottobre).

Ultima modifica il Mercoledì, 14 Ottobre 2020 12:14


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio