BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Sabato, 04 Febbraio 2017 18:59

Rai Storia. Gli appuntamenti di lunedì 6 febbraio

Scritto da 

Alle 21.10 Cristoforo Gorno racconta la Grecia “dal mito alla storia”, mentre alle 22.10 si parlerà dell'Italia di Shakespeare

Pagine di storia dell’antica Grecia

I 300 spartani alle Termopili e la sconfitta degli ateniesi a Siracusa: due eventi che inquadrano il V secolo a.C., il secolo d'oro delle città-stato greche, il secolo del teatro, della filosofia, dello sviluppo della democrazia, ma anche il secolo del tramonto consumato nella guerra tra Sparta e Atene. Li racconta Cristoforo Gorno nel nuovo appuntamento con “Cronache dall’Antichità. Dal Mito alla Storia”, in onda lunedì 6 febbraio alle 21.10 su Rai Storia.
Esplorando i luoghi dell'azione, Gorno racconta i grandi scenari che hanno determinato questi avvenimenti fondamentali della storia antica e scandaglia le fonti per mettere in luce i dettagli meno conosciuti.

L’Italia di Shakespeare
Delle trentasette opere teatrali che Shakespeare ci ha lasciato, più di un quarto sono in qualche modo legate all’Italia. Perché il “bardo di Avon” sapeva cosi tanto del nostro Paese? E perché ha messo così tanto dell’Italia nelle sue opere? Domande alle quali risponde – in un viaggio tra Venezia, Verona, Padova e Mantova - “L’Italia di Shakespeare”, il documentario di Alessandra Conforti e Stefano Di Gioacchino, con la regia di Antonella Zecchini e Matteo Bardelli, che Rai Cultura propone lunedì 6 febbraio alle 22.10 su Rai Storia.

C’è chi sostiene che Shakespeare abbia compiuto un viaggio reale nella penisola, e c’è persino chi si spinge ad attribuirgli origini italiane. Ma gli studiosi più autorevoli sostengono che William Shakespeare abbia semplicemente immaginato il bel paese a distanza. Raccontandolo nelle sue opere.

Ultima modifica il Sabato, 04 Febbraio 2017 19:05


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio