160x142-haring-proroga.gif

Venerdì, 30 Novembre 2018 11:42

Rai 5. Dalla Bruges di Van Eyck agli autoritratti di Dürer

Scritto da 

Venerdì 30 novembre alle 19.15, Waldemar Januszczak, critico e volto noto della BBC, nella serie “Luci e ombre del Rinascimento” racconta l’evoluzione dell’arte europea dai cosiddetti “primitivi fiamminghi” ai giganti del Rinascimento italiano

Waldemar Januszczak affronta il suo viaggio nel Rinascimento. Scopo del suo racconto è spiegare la “Rinascita” dell'arte senza dimenticare che la riscoperta e la rivalutazione dell'arte classica non cancellarono inquietudini e strascichi medievali tutto d'un tratto.

Il passaggio, culturale e artistico, dal Medioevo al Rinascimento infatti fu piuttosto lento e graduale e non drammatico e improvviso, come si è spesso lasciato intendere. Januszczak spiega peraltro che la "Rinascita" non fu fenomeno esclusivamente italiano, ma partì da opere classificate come "tardo gotiche" e dal Nord Europa e arrivò gradualmente ai giganti del nostro Rinascimento, lasciando a Michelangelo, Leonardo e Botticelli il primato in quella che fu la vera rinascita artistica europea.

Il viaggio di Januszczak parte dalla casa di Giorgio Vasari, l'eclettico artista fiorentino che per primo parlò di “Rinascita” nel celebre testo “Le Vite”, pubblicato nel 1550. Prima di arrivare in Italia, però, Januszczak fa un salto indietro nel tempo e nello spazio, verso il Nord Europa, dove già nel XV secolo nelle botteghe di Germania e delle Fiandre erano al lavoro artisti che avrebbero lasciato un segno indelebile nell'evoluzione dell'arte occidentale, con opere che ancora oggi stupiscono ed emozionano per intensità e grandezza.

Ultima modifica il Venerdì, 30 Novembre 2018 11:45




300x250-banksy-proroga.gif

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio